domenica 26 febbraio | 18:41
pubblicato il 01/set/2014 12:48

Confindustria Sicilia, Catalano: Ok Sblocca Italia, subito fondi

Direttore siciliano associazione industriali: Serve sviluppo (ASCA) - Palermo, 1 set 2014 - "Piu' che di quantita' delle risorse c'e' un problema di qualita' delle risorse, e soprattutto di progettualita' cantierabili. Le risorse possono essere poche o molte, ma cio' che importa e' che siano mese in campo immediatamente, gia' il prossimo autunno". A dirlo e' stato il direttore di Confindustria Sicilia, Giovanni Catalano, rispondendo stamani ai cronisti che a Palermo gli hanno chiesto un commento sul decreto Sblocca Italia messo a punto dal governo Renzi.

"C'e' bisongno di lavoro, di crescita, di sviluppo - ha proseguito Catalano -. Il nostro Paese e' messo alle strette da 10 anni di crisi molto profonda. Serve una buona politica industriale. Una nuova politica industriale che e' assente ormai da diversi anni. Altri Paesi prima di noi hanno messo in campo risorse fondamentali, strutturali per il settore manifatturiero.

C'e' bisogno di ripercorre quanto accaduto negli anni '60 col 'miracolo italiano'. Cioe' avere una bona politica industriale - ha concluso -, e su questo bisogna concentrare l'attenzione".

Xpa

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech