domenica 11 dicembre | 09:43
pubblicato il 21/lug/2016 15:59

Confindustria: II trimestre Pil +0,15%, crescono rischi al ribasso

All'incertezza per la Brexit si sommano difficoltà banche

Confindustria: II trimestre Pil +0,15%, crescono rischi al ribasso

Roma, 21 lug. (askanews) - Nel secondo trimestre del 2016 il Pil italiano è aumentato dello 0,15% inferiore allo 0,25% stimato e la previsione per i successivi tre mesi è "non molto più vivace". Lo sottolinea il centro studi di Confindustria (Csc).

"All'incertezza derivante dalla Brexit - dicono gli analisti di viale dell'Astronomia - si sommano le difficoltà del sistema bancario (non solo in Italia). Fattori che accrescono i rischi al ribasso per l'andamento dell'economia italiana".

In Italia, prosegue il Csc, "la risalita della produzione industriale, già molto disomogenea tra settori e quindi poco solida, ha subito una nuova battuta d'arresto nel secondo trimestre e, di conseguenza, costringe a rivedere all'ingiù le stime di variazione del Pil".

L'export è "in recupero", mentre "l'aumento della domanda interna si sta infiacchendo a causa dei consumi, con gli investimenti che invece tengono il passo". A giugno il Pmi Markit composito (pre-Brexit) per l'Italia segnala espansione dell'attività a un ritmo più veloce di quello rilevato in maggio (+1,8 punti, a 52,6). Tuttavia, l'indice nel secondo trimestre è inferiore a quello medio del primo (52,2 da 53,4). Il Pmi manifatturiero segnala accelerazione (+1,1 punti a 53,5) grazie alla più forte crescita di produzione, ordini ed esportazioni.

Anche nei servizi l'attività è avanzata più delle attese, dopo la stagnazione rilevata in maggio (51,9 da 49,8); dinamica mensile più robusta anche per i nuovi ordini. Le esportazioni italiane sono diminuite, a prezzi costanti, dello 0,4% a maggio su aprile (stime Csc). Nell'ultimo bimestre hanno registrato, comunque, un incremento del 2,4% sul primo trimestre, grazie a maggiori vendite sia nei paesi Ue (+2,0%) sia in quelli extra-Ue (+3,0%). In aumento anche l'export della Germania (+1,2% nel bimestre) e, marginalmente, quello della Francia (+0,2%).

Gli indicatori qualitativi sugli ordini esteri del manifatturiero italiano in giugno, che non registrano ancora le ripercussioni negative della Brexit, indicano prospettive in miglioramento per i mesi estivi: a 54,6 la componente Pmi (+2,6 punti su maggio) e a -17 il saldo dei giudizi delle imprese (+1 punto). In risalita, ma ancora deboli, gli indicatori degli scambi globali: +1 punti la componente ordini esteri del Pmi in giugno (a 49,9, sotto la soglia neutrale di 50 per il quinto mese consecutivo) e in aumento in luglio, ma su valori bassi, il Baltic index, che misura il costo dei noli navali per le materie prime.

A giugno le condizioni per investire sono meno favorevoli: il saldo dei giudizi si è attestato a 6,1 (da 8,8 in marzo). Calano anche le attese a tre mesi sulle condizioni in cui operano le imprese (saldo a 4,9 da 8,5; Banca d'Italia-Il Sole 24 Ore). Tuttavia, gli imprenditori prevedono un aumento degli investimenti del 2,5% nel 2016 e tra i produttori di beni strumentali avanzano nel secondo trimestre i giudizi sugli ordini interni (saldo a -20,3 da -21,7 nel primo) e sono stabili le attese (Istat). Ciò indica che procedono i programmi di acquisto di beni d'investimento, grazie anche alle misure governative ad hoc.

Positiva la dinamica dei consumi. L'indicatore Icc in volume è salito dello 0,3% in aprile-maggio sul primo trimestre e le immatricolazioni di auto del 2% nel secondo trimestre sul primo. Le prospettive sono, però, incerte. L'andamento debole dei prezzi (-0,4% annuo a giugno; +0,4% l'indice core) sostiene il reddito reale delle famiglie, ma il saldo dei giudizi sugli ordini interni dei produttori di beni di consumo è sceso a -16,3 nel secondo trimestre (da -14 nel primo). Il terzo calo consecutivo della fiducia dei consumatori preannuncia maggiore prudenza nella spesa: in giugno -2,3 punti a 110,2 (-3,6 punti nel secondo sul primo).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina