giovedì 08 dicembre | 11:13
pubblicato il 04/set/2015 10:47

Confindustria: economia mondiale a rischio di stagnazione

Crescita globale frenata da demografia e calo investimenti

Confindustria: economia mondiale a rischio di stagnazione

Roma, 4 set. (askanews) - L'economia mondiale rischia di finire in una "stagnazione secolare" per gli effetti dei cambiamenti demografici e per la forte contrazione degli investimenti. E' quanto riferisce il Centro Studi di Confindustria. Le previsioni di aumento del Pil globale sono state continuamente riviste al ribasso negli ultimi quattro anni, ricorda il CSC, da un +4,8% medio annuo atteso nel 2011 per i cinque anni successivi a un +3,9% previsto nel 2015 (FMI). Per quest'anno nell'arco di 12 mesi le stime sono state abbassate dal 4,0% al 3,3%.

Il rallentamento è maggiore nelle economie emergenti strutturalmente: dall'inizio della crisi le prospettive di crescita sono diminuite di mezzo punto percentuale nei paesi avanzati (da +2,6% medio annuo nel 2008 a +2,1% nel 2015) e di quasi due punti in quelli emergenti (da +7,0% a +5,1%).

Nelle stime CSC, l'aumento del PIL mondiale è deludente: nel 2015 +3,2% e nel 2016 +3,6% rispetto al +5,1% osservato nel periodo pre-crisi (media annua nel 2002-2007).

Secondo Confindustria aumentano poi i rischi al ribasso derivanti da un rallentamento più brusco della Cina e degli altri maggiori emergenti.

Dietro la frenata mondiale, secondo la ricerca del Centro Studi, ci sono gli effetti della crisi economica sugli investimenti. Questi ultimi erano pari al 22,8% del PIL dei paesi avanzati negli anni 2000-2007 e sono scesi al 20,6% nel quinquennio 2010-2014. In Italia questa quota è scesa addirittura da 21,6% nel 2007 a 16,9% nel 2014.

Altri elementi sono il rallentamento demografico e l'invecchiamento della popolazione, che fa diminuire la quota di persone in età lavorativa. Infine il minore impatto stimato delle nuove tecnologie sulla produttività sono molto persistenti.

"Ciò abbassa il sentiero di crescita dell'output potenziale, verso cui il PIL tende nel lungo periodo - sottolinea il CSC - tanto che alcuni economisti parlano di 'stagnazione secolare'".

"Tuttavia - conclude Confindustria - soprattutto nei paesi avanzati, un esito effettivo è possibile, ma dipende molto dal mix di interventi pubblici che verranno adottati per rilanciare la crescita e innalzare il tasso di sviluppo potenziale dell'economia. È fondamentale sostenere la domanda, soprattutto di investimenti; stimolare l'attività di ricerca e sviluppo; procedere con le riforme strutturali; adottare una vera politica industriale coerente con la riscoperta del ruolo centrale del manifatturiero".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Roma
Roma, Antitrust avvia procedimento contro Atac sul servizio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni