giovedì 08 dicembre | 05:24
pubblicato il 17/mar/2016 16:48

Confindustria, ecco i 7 punti del programma di Vacchi

Politica industriale non sia diversa per grandi e piccole imprese

Confindustria, ecco i 7 punti del programma di Vacchi

Roma, 17 mar. (askanews) - Costruzione di un'agenda partecipata coinvolgendo i territori, evoluzione del sistema industriale verso il mondo digitale, politiche industriali che non facciano differenze tra piccole e grandi imprese. Formazione, ricerca e innovazione ma anche comunicare il ruolo dell'impresa nella società. Relazioni industriali che mettano al centro le esigenze dell'impresa per il recupero della competitività. Far evolvere Confindustria attraverso il rinnovamento organizzativo e la piena attuazione della riforma Pesenti. Sono questi i sette punti del programma illustrato da Alberto Vacchi, candidato in corsa per la presidenza di Confindustria, al Consiglio generale.

Entrando nel dettaglio, per Vacchi è prioritario passare dalle parole ai fatti sul fronte dell'Agenda digitale per arrivare ad una "amministrazione più efficiente e trasparente" perchè "la digitalizzazione è un diritto per l'impresa".

Sul fronte delle politiche industriali, a giudizio del patron dell'Ima, occorre "riconquistare spazio al tavolo delle decisioni pubbliche". Fondamentale, poi, non fare differenze tra piccole e grandi imprese e puntare, per il futuro, sull'importanza della filiera.

Quanto alle relazioni industriali, per Vacchi l'impegno primario della prossima presidenza deve essere quello di riuscire a dare alle imprese di ogni dimensione "una scatola degli attrezzi costruita a livello interconfederale" dalla quale ogni azienda può scegliere il modello di contrattazione "più coerente con le proprie esigenze". E a chi pensa sia meglio stare fuori Confindustria, Vacchi risponde in modo netto: "Sono convinto sia sbagliato ritenere che per avere libertà di decisione nei rapporti di lavoro sia meglio non essere associati a Confindustria. Semmai è vero proprio il contrario. Appartenere a Confindustria significa disporre di un ulteriore valore aggiunto a disposizione dell'impresa".

Infine, guardando all'interno dell'Associazione, il numero uno degli industriali bolognesi sottolinea la necessità di un "sistema integrato che si parli di più e che non lasci nessuno in un angolo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni