sabato 10 dicembre | 23:18
pubblicato il 28/mar/2014 16:54

Confindustria: 'Neet' triste primato italiano. Costano 32,6 mld l'anno

(ASCA) - Bari, 28 mar 2014 - ''Neet, triste primato per l'Italia'': sono 2 milioni e 250 mila i giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano, non lavorano e non si formano. E' quanto si legge nella relazione del Centro studi Confindustria ''Il Capitale sociale e la forza del Paese'' illustrata dal direttore, Luca Paolazzi, durante il convegno biennale in corso al Teatro Petruzzelli di Bari. Nel 2012 l'Italia ha l'incidenza piu' elevata di Neet in Europa pari al 24% dei giovani 15-29enni: il loro costo e' di 32,6 miliardi ogni anno. sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina