sabato 21 gennaio | 00:02
pubblicato il 28/mar/2014 16:54

Confindustria: 'Neet' triste primato italiano. Costano 32,6 mld l'anno

(ASCA) - Bari, 28 mar 2014 - ''Neet, triste primato per l'Italia'': sono 2 milioni e 250 mila i giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano, non lavorano e non si formano. E' quanto si legge nella relazione del Centro studi Confindustria ''Il Capitale sociale e la forza del Paese'' illustrata dal direttore, Luca Paolazzi, durante il convegno biennale in corso al Teatro Petruzzelli di Bari. Nel 2012 l'Italia ha l'incidenza piu' elevata di Neet in Europa pari al 24% dei giovani 15-29enni: il loro costo e' di 32,6 miliardi ogni anno. sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4