giovedì 19 gennaio | 18:28
pubblicato il 07/mag/2014 16:08

Conferenza Luiss su euro ed Europa con Squinzi e Nobel Stiglitz

Appello leader industriali: votare per Europa,no a eurodemolitori

Conferenza Luiss su euro ed Europa con Squinzi e Nobel Stiglitz

Roma (askanews) - L'Europa ha commesso un solo grande errore: l'euro. Non vuol dire, però, che bisogna abbandonarlo ma anzi è più che mai necessario oggi cambiare la struttura dell'eurozona e andare avanti con le riforme strutturali. Con questa lucida analisi, Joseph E. Stiglitz, premio Nobel ed economista fra i più influenti al mondo, è intervenuto alla conferenza "Can the euro be saved?" alla Luiss nell'ambito della XIV edizione delle lezioni Angelo Costa per valorizzare le migliori tesi magistrali in economia tramite l'assegnazione di un premio di laurea.Secondo il professore statunitense la crisi economica è stata un disastro causato dall'uomo, non è stata una catastrofe naturale, è stata causata dall'Europa e dai suoi leader. "I salvataggi portati avanti dalla Troika - ha ammonito - hanno portato più danni che benefici ai Paesi coinvolti". In sostanza, per Stiglitz l'austerità è una ricetta che non ha mai funzionato e mai funzionerà.Una tesi condivisa pienamente dal presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che si è sempre detto europeista convinto con il sogno di vedere gli Stati Uniti d'Europa. In vista delle prossime elezioni europee Squinzi rompe la tradizione degli industriali e lancia un appello elettorale."Votare oggi per l'Europa - ha affermato il numero uno di viale dell'Astronomia - significa non mettere a rischio l'unica grande visione comune costruita nel secondo dopoguerra".Per il leader degli industriali non c'è alternativa all'Europa e all'euro: "Costi e rischi di questa prospettiva sono enormi". Squinzi invita quindi a respingere il virus antieuropeo e dire 'no' agli eurodemolitori. "Il nostro obiettivo - ha osservato Squinzi - deve essere non la distruzione ma la ricostruzione delle condizioni favorevoli all'economia reale in Europa, che si realizza con riforme serie dell'eurozona, cercando di dare maggiore libertà all'impresa e più spinta all'innovazione, nell'economia come nella società".

Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale