mercoledì 18 gennaio | 13:46
pubblicato il 03/mar/2014 18:56

Confcommercio: dati Istat confermano difficolta' del paese

Confcommercio: dati Istat confermano difficolta' del paese

(ASCA) - Roma, 3 mar 2014 - E' la drammatica testimonianza delle difficolta' in cui versa il nostro Paese: questo il commento dell'Ufficio Studi Confcommercio ai dati diffusi oggi dall'Istat.

''La conferma di una flessione del Pil dell'1,9% nel 2013, -8,5% nei confronti del 2007, un calo dei consumi del 2,6% - dal 2007 la riduzione e' stata del 7,6% - ed una contrazione dell'occupazione di 450mila unita' - dal 2008 si sono persi oltre 1 milione e 700mila posti di lavoro - sono solo alcuni dei numeri che fotografano lo stato di crisi del Paese''.

In termini pro capite, il quadro risulta ancor piu' allarmante. Nel solo biennio 2012-13 la flessione del Pil sfiora il 5% in termini cumulati, quella della spesa per consumi il 7,3%, gli investimenti crollano di oltre il 13%, a testimonianza di una situazione di pesante difficolta' di tutta la domanda interna.

E' proprio l'eccezionale riduzione dei consumi a spiegare, assieme alla cancellazione dell'IMU, la riduzione, peraltro marginale, della pressione fiscale, dal 44% del 2012 al 43,8% del 2013, contro una previsione del 44,3%. I consumi con IVA piu' elevata sono quelli diminuiti di piu', sia in termini reali che in termini nominali. Le aree dell'abbigliamento e delle calzature, dei mobili e degli elettrodomestici, dei trasporti e delle comunicazioni perdono complessivamente quasi 10 miliardi di spesa nominale, con la conseguente rilevante contrazione del gettito sulle imposte indirette.

L'unica voce della spesa delle famiglie che continua a tenere e' quella per l'abitazione e l'energia, consumi incomprimibili''. Pertanto, si conferma la patologica condizione delle famiglie italiane, strette da redditi decrescenti a causa di una pressione fiscale da record e consumi obbligati che erodono quote significative di potere d'acquisto e liberta' di scelta. Il rapporto debito/Pil, che ha raggiunto la cifra record del 132,6%, e quello dell' indebitamento rispetto al Pil, ancorato al 3,0%, dicono con chiarezza che la cura, anche per il bilancio pubblico, non puo' essere fondata sulle imposte e sulle tasse. Senza una decisa e improrogabile svolta su questo punto, anche il 2014 sara' un anno straordinariamente difficile per l'economia italiana.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa