lunedì 16 gennaio | 21:00
pubblicato il 10/gen/2014 09:42

Confcommercio: a novembre peggiora l'indice sul disagio sociale

Confcommercio: a novembre peggiora l'indice sul disagio sociale

(ASCA) - Roma, 10 gen 2014 - Peggiora il disagio sociale in Italia. Confcommercio rende noto che a novembre il MIC (Misery Index Confcommercio, una valutazione macroeconomica del disagio sociale a cura dell'Ufficio Studi dell'associazione) si attesta su un valore stimato di 21,4 punti, in aumento di 0,3 punti rispetto al mese di ottobre.

Cio' e' imputabile all'aumento di 0,3 punti della disoccupazione estesa, mentre l'inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza di acquisto rimane invariata rispetto al mese precedente allo 0,8%.

Dal Misery Index Confcommercio di novembre emerge infatti che il tasso di disoccupazione ufficiale e' aumentato di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente attestandosi al 12,7%, in aumento di 1,4 punti su base annua. I disoccupati sono 3 milioni 254mila, cifra in aumento di 57mila unita' sul mese precedente e di 350mila su base annua. Il numero di occupati e' diminuito di 55mila unita' rispetto a ottobre e di 448mila rispetto ai 12 mesi precedenti. Il quadro occupazionale del paese e', dunque, nel complesso sempre piu' negativo. Nel mese di novembre sono state autorizzate 110 milioni di ore di CIG, in aumento rispetto ai 90 di ottobre.

Le ore di CIG utilizzate - destagionalizzate e ricondotte poi a ULA - sono stimate in aumento di circa 12.000 unita', il che porta il numero di persone in CIG dalle 289mila previste per ottobre alle 301mila previste per novembre.

Il numero di scoraggiati e' stimato in lieve aumento da 776mila persone di ottobre a 784mila (+8.000).

Aggiungendo ai disoccupati ufficiali la stima delle persone in CIG e degli scoraggiati otteniamo per novembre un tasso di disoccupazione esteso del 16,5%, in aumento di 0,3 punti rispetto a ottobre. L'inflazione dei beni e dei servizi ad alta frequenza di acquisto e' rimasta stabile allo 0,8%.

Per ora sembra essersi arrestata, dunque, la discesa iniziata nel settembre 2012 quando l'incremento dei prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza di acquisto aveva raggiunto il picco del 4,7%. L'aumento di 0,3 punti della disoccupazione estesa e l'invarianza dell'inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza d'acquisto porta il MIC ad aumentare di 0,3 punti.

Nel medio periodo il MIC e' passato dagli 11 punti di inizio 2007 ad oltre 21 del 2013 - con un picco di quasi 22 punti nel settembre 2012 - disegnando un percorso di rapida crescita del disagio sociale, che nel corso del 2013 appare stabilizzarsi solo grazie al crollo dell'inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza d'acquisto, mentre la disoccupazione estesa appare in costante aumento. did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello