lunedì 23 gennaio | 06:25
pubblicato il 28/set/2012 20:12

Confartigianato: Paese troppo vecchio, serve un nuovo welfare

Più spazio a privati organizzati e a un welfare sussidiario

Confartigianato: Paese troppo vecchio, serve un nuovo welfare

Milano, 29 set. (askanews) -Milano (askanews) - Un Paese che invecchia, la natalità in calo, matrimoni in diminuzione, famiglie sempre più instabili, oltre due milioni di giovani che non studiano e non lavoro: è una fotografia drammatica quella tracciata da Confartigianato nel suo Rapporto sulla crisi dello stato sociale, presentato ad Arezzo durante il "Festival della Persona" che ha riunito centinaia di imprenditori e rappresentanti delle Associazioni artigiane.Come illustra il coordinatore di Confartigianato Persone Sandro Corti: "E' un brutto stato di salute. Siamo un Paese fortemente invecchiato, dove c'è una bassissima natalità".Ancora più drammatica la situazione giovanile: "Siamo un Paese che non è più per giovani - aggiunge Corti - dove la disoccupazione giovanile è altissima. Negli ultimi quattro anni, abbiamo perso un giovane su cinque".Da Corti, dunque, la proposta di un nuovo welfare: "Questo welfare così non regge. Bisogna pensare fin da ora un welfare con altre basi, più comunitario, personalista e sussidiario".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4