domenica 04 dicembre | 05:36
pubblicato il 27/lug/2016 17:29

Confapi: welfare Stato non basta,in azienda si può offrire di più

Gestire bilateralità con responsabilità

Confapi: welfare Stato non basta,in azienda si può offrire di più

Roma, 27 lug. (askanews) - L'intesa tra Confapi e Cgil, Cisl e Uil su rappresentanza, modello contrattuale e detassazione dei premi di produttività ha introdotto novità anche in tema di bilateralità e welfare. Le parti hanno lavorato per dare attuazione alle disposizioni contrattuali e per mettere a disposizione di aziende e lavoratori strumenti adeguati di welfare e sostegno al lavoro in un momento ancora caratterizzato dalla crisi, soprattutto nei settori produttivi.

"Andiamo incontro e offriamo esempi di welfare attivo che lo Stato non può offrire - ha detto il presidente della Confapi, Maurizio Casasco - quello che lo Stato può offrire è insufficiente ai bisogni. Le aziende sono responsabili in questo senso. I lavoratori ne possono godere insieme con le aziende. La bilateralità, ben gestita con responsabilità e non come divisione di interessi, rappresenta un intervento vero a favore della formazione, cultura e sicurezza".

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari