domenica 04 dicembre | 17:39
pubblicato il 13/set/2014 15:22

Confagricoltura, chiudere su biotech e' stop a innovazione

"Gli Ogm sono una delle tante opzioni" (ASCA) - Roma, 13 set 2014 - "Gli Ogm sono una delle tante opzioni da utilizzare nelle politiche di sviluppo dei Paesi Terzi e per combattere la fame nel mondo". Lo ha detto il presidente di Confagricoltura Mario Guidi intervenendo oggi al Mantova al convegno "La ricerca italiana rilancia la genetica in agricoltura". Guidi ha ricordato che, tra il 1961 e il 2005, mentre la popolazione mondiale cresceva del 111%, la produzione agricola e' aumentata del 162%. Nel 1950 sulla Terra un miliardo di persone su un totale di due miliardi e mezzo soffriva la fame, mentre oggi lo stesso pianeta fornisce cibo a sufficienza per piu' di sei miliardi di persone, su un totale di sette miliardi. In circa sessanta anni la popolazione mondiale che soffriva di fame e malnutrizione e' scesa dal 40 al 15%.

"Cio' grazie ad una sola cosa: l'innovazione - ha detto Guidi- .

E gli Ogm fanno parte di progresso tecnologico. Tutte le varieta' e le specie che vengono utilizzate in agricoltura sono frutto dell'intervento di miglioramento genetico dell'uomo ed e' difficile sostenere scientificamente che l'uso di un'ulteriore tecnica quale quella utilizzata per produrre Ogm, sia meno 'naturale' di quelle usate finora".

Guidi si e' quindi soffermato sulla proposta di regolamento sulla liberta' di coltivazione di Ogm che e' in discussione a Bruxelles, che in pratica prevede di lasciare a ciascuno Stato membro la possibilita' di vietare la coltivazione di Ogm sul proprio territorio, a prescindere da qualsiasi autorizzazione.

"Un modo singolare di intendere il mercato unico europeo e l'idea stessa di Unione Europea - ha concluso il presidente di Confagricoltura -. Quello spazio dove condividiamo tutto, almeno a parole, sarebbe invece lo stesso in cui ci dividiamo sulle possibili scelte in materia di innovazione in agricoltura.

Abbiamo la politica agricola comune, le norme di commercializzazione per i fagiolini, le regole tecniche anche per le prese elettriche e la moneta unica che sono uguali in (quasi) tutta Europa e ci dividiamo sul futuro della nostra agricoltura".

red-did

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari