lunedì 05 dicembre | 18:18
pubblicato il 04/mag/2016 17:43

Con Esaote il parco tecnologico di Genova sempre più ambizioso

Sindaco Doria: "Ora aspettiamo l'arrivo dell'università"

Con Esaote il parco tecnologico di Genova sempre più ambizioso

Roma, (askanews) - Con l'insediamento di Esaote, azienda leader a livello mondiale nel settore delle apparecchiature biomedicali, si è aggiunto un altro fondamentale tassello nell'ambizioso progetto del parco scientifico e tecnologico di Genova, che mira a diventare una sorta di Silicon Valley italiana.

La nuova sede di Esaote, di quasi 5 mila metri quadrati, ospita, oltre alla direzione generale dell'azienda, le attività di ricerca e sviluppo degli ultrasuoni e l'information technology per la sanità per un numero complessivo di 250 dipendenti e ricercatori.

Paolo Monferino è il presidente di Esaote Spa: "Noi siamo venuti qui al polo tecnologico degli Erzelli perché crediamo nella vicinanza fra aziende leader del settore, il fatto che ci siano qui già altre aziende che sono davvero leading edge da questo punto di vista, il fatto che dovrebbe arrivare l'Unioversità secondo noi è una cosa fondamentale per la collaborazione con gli enti universitari, e se arriva anche l'Istituto Italiano di tecnologia, allora sì che avremmo veramente un concentrato di supertecnologia italiana qui a Genova".

Alla cerimonia di inaugurazione della nuova sede di Esaote sulla collina degli Erzelli, oltre a numerosi esponenti del mondo dell'imprenditoria, della finanza e della comunità medico-scientifica genovese e ligure, hanno partecipato l'assessore allo sviluppo economico della Regione Liguria, Edoardo Rixi e il sindaco di Genova, Marco Doria, che ha riposto stizzito a chi continua a definire il parco scientifico e tecnologico del capoluogo ligure una "cattedrale nel deserto": "Io non parlerei davvero più di cattedrale nel deserto - ha detto Doria - sono stufo: nel momento in cui ci sono Ericsson, Siemens, Esaote, il Talent Garden, ci sono alcune delle imprese più importanti del mondo... Questo è un polo dell'industria genovese, con la presenza di imprese importantissime, ed è solo destinato a crescere".

Per completare il progetto si attende l'insediamento della facoltà di ingegneria dell'Università degli studi di Genova come ha spiegato lo stesso primo cittadino: "L'obiettivo è che arrivi anche l'università, in quel monento il mix di imprese che già ci sono e ricerca universitaria fa sì che la scommessa di Erzelli possa essere considerata compiuta con successo".

Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari