lunedì 05 dicembre | 18:08
pubblicato il 22/feb/2013 11:03

Commissione Ue: conferma pareggio bilancio pubblico Italia nel 2013

(ASCA) - Roma, 22 feb - La Commissione Ue conferma per il 2013 il pareggio strutturale del bilancio pubblico dell'Italia. Quest'anno il rapporto deficit/pil strutturale (aggiustato per gli effetti del ciclo, come definito nel Fiscal Compact e nel Patto di stabilita') scendera' a -0,1% da -1,4% del 2012.

Un risultato, spiega Bruxelles, dovuto agli aggiustamenti strutturali del bilancio pari a 3,5% del Pil. L'avanzo primario di bilancio pubblico (entrate meno uscite, al netto della spesa per interessi sul debito pubblico), ''dovrebbe raggiungere il 5% del Pil nel 2013, per poi diminuire marginalmente nel 2014'', scrive Bruxelles.

Il rapporto deficit/pil strutturale salira' poi a -0,5% nel 2014.

Migliorera' anche il rapporto deficit/pil, al lordo degli effetti del ciclo, per il 2012 e' stimato in calo a -2,9% da -3,9% del 2011 grazie all'avanzo primario pari al 2,6% del Pil. Poi scendera' ancora nel 2013 collocandosi a -2,1%, rimanendo sullo stesso livello anche nel 2014.

men/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari