martedì 28 febbraio | 00:00
pubblicato il 16/dic/2013 10:09

Commercio estero: Istat, surplus ottobre sale a 4,1 mld

Commercio estero: Istat, surplus ottobre sale a 4,1 mld

(ASCA) - Roma, 16 dic - A ottobre , il saldo della bilancia commerciale dell'Italia e' pari a +4,1 miliardi, superiore a quello registrato a ottobre 2012 (+2,3 miliardi). Al netto dell'energia, l'attivo e' di 8,9 miliardi. Nei primi dieci mesi dell'anno, l'avanzo commerciale raggiunge i 23,7 miliardi e, al netto dei prodotti energetici, e' pari a quasi 70 miliardi. Lo rende noto l'Istat.

Rispetto al mese precedente, a ottobre 2013 si registra una diminuzione sia dell'export (-0,5%) sia, in misura piu' rilevante, dell'import (-2,6%). La diminuzione congiunturale delle esportazioni e' la sintesi dell'aumento delle vendite verso i paesi dell'area extra Ue (+0,8%) e del calo di quelle verso i paesi dell'area Ue (-1,5%). La diminuzione dell'import e' determinata, in misura maggiore, dalla riduzione degli acquisti dai paesi Ue (-3,6%). Si registra una marcata flessione congiunturale dell'import di beni strumentali (-6,0%). In contrazione anche gli acquisti di prodotti intermedi (-4,1%) e di beni di consumo (-2,0%). Anche dal lato dell'export, i beni strumentali (-1,9%) e i prodotti intermedi (-1,0%) sono in flessione, mentre i beni di consumo crescono dell'1,4%. Nel trimestre agosto-ottobre 2013, rispetto al trimestre precedente, si rileva una crescita sia delle importazioni (+1,2%) sia, in misura piu' contenuta, delle esportazioni (+0,6%). Quest'ultimo risultato e' la sintesi di un aumento delle vendite verso i paesi dell'area Ue (+1,6%) e di una flessione di quelle verso i paesi dell'area extra Ue (-0,6%).

Rispetto allo stesso mese del 2012, a ottobre 2013 si registra un contenuto aumento dell'export (+0,8%), sintesi della crescita dei valori medi unitari (+1,3%) e della riduzione dei volumi (-0,6%); la marcata flessione dell'import (-4,3%) e' determinata dalla contrazione sia dei volumi (-1,6%) sia dei valori medi unitari (-2,8%). L'aumento tendenziale dell'export e' particolarmente accentuato verso paesi ASEAN (+18,5%), paesi EDA (+17,9%) e Cina (+15,8%). Le vendite di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+14,0%) e di articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili (+11,9%) sono in forte espansione. Le importazioni dai paesi OPEC (-24,8%) e dalla Turchia (-22,3%) e gli acquisti di prodotti dell'estrazione di minerali da cave e miniere (esclusi petrolio e gas) (-32,5%) e di petrolio greggio (-16,3%) sono in forte contrazione. com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech