sabato 03 dicembre | 06:28
pubblicato il 23/ott/2013 14:19

Commercio estero: Confcooperative, puntare su export. E' leva anticrisi

(ASCA) - Roma, 23 ott - ''L'export dovrebbe essere tra le prime misure di sviluppo per le imprese, una misura che deve essere utilizzata al meglio come leva anticrisi''. Cosi' in una nota Maurizio Gardini, presidente di Confcooperative, commenta i dati Istat che fotografano un aumento delle esportazioni nel mese di settembre.

''In troppi casi - continua Gardini - le imprese non sono adeguatamente dimensionate e organizzate per politiche di export e internazionalizzazione. Elemento questo che ne frena la competitivita'. Questa debolezza fisiologica dell'impresa Italia viene peggiorata dalle difficolta' di accesso al credito, dalla pressione fiscale, dall'appesantimento burocratico. Punti sui quali occorrono interventi semplificativi del governo''.

com-drc/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari