mercoledì 18 gennaio | 23:58
pubblicato il 16/dic/2013 12:29

Commercio estero: Assocamerestero, saldo record su mercati esteri

(ASCA) - Roma, 16 dic - Continua a registrare risultati record il saldo della bilancia commerciale italiana sui mercati esteri: nei primi dieci mesi del 2013, sfiora il tetto dei 24 miliardi di euro, in crescita di ben 18 miliardi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno ed in netta controtendenza rispetto al 2011, quando il disavanzo aveva raggiunto i 25 miliardi di euro.

''I risultati positivi ottenuti in termini di surplus, da un lato, evidenziano il dinamismo delle nostre esportazioni, dall'altro sono frutto in parte anche del calo delle importazioni di prodotti nel nostro Paese - afferma Gaetano Fausto Esposito, Segretario Generale di Assocamerestero, commentando i dati Istat sul commercio estero diffusi oggi -.

Tuttavia, in un momento in cui si iniziano a scorgere timidi segnali di ripresa, pare che si stiano lentamente ricostituendo le scorte e quindi la riduzione delle importazioni potrebbe subire una battuta d'arresto. Questo significa che in prospettiva nei prossimi mesi potrebbe essere difficile mantenere questo ritmo di incremento del surplus''.

Rispetto ai principali competitor, l'Italia mantiene una performance in linea con quella della Germania (+0,1% su base annua, contro il -0,6%) e superiore a quella dei cugini francesi, che sembrano perdere terreno sul fronte estero (-1,6%).

In termini di incremento delle vendite, i mercati extra-UE continuano a dare un contributo positivo, sebbene i dati destagionalizzati relativi all'ultimo trimestre segnalino una leggera flessione (-0,6%).

''Iniziamo a risentire, soprattutto sulle nostre produzioni, di un valore dell'euro troppo alto. Fino ad oggi, le imprese hanno fatto fronte alla situazione limando i margini di prezzo, come pero' hanno cessato di ricorrere a questa strategia, vediamo subito i contraccolpi'', conclude Esposito.

A livello settoriale, la tipologia di beni che sviluppa l'attivo piu' significativo sono i beni strumentali, con un valore superiore ai 43 miliardi di euro, pari al 63% del surplus extra-energetico.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina