lunedì 23 gennaio | 08:04
pubblicato il 13/mar/2014 12:00

Coldiretti: in Usa prodotti 200 mld di Kg di formaggi italiani

Dal Parmesan a mozzarella, da provolone all'asiago: grave inganno

Coldiretti: in Usa prodotti 200 mld di Kg di formaggi italiani

Roma, 13 mar. (askanews) - Negli Stati Uniti sono stati prodotti nel 2013 oltre 200 miliardi di chili di formaggi di tipo "italiano" dal Parmesan all'Asiago, dal Provolone alla Mozzarella, fino al Gorgonzola che nulla hanno a che fare con il tessuto produttivo Made in Italy. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento all'esigenza di un accordo per tutelare le denominazioni di origine riconosciute dall'Unione Europea negli Sati Uniti, dopo che è in fase avanzata quello con il Canada. In Usa il mercato dei formaggi italiani "taroccati" ottenuti soprattutto in Wisconsin, California e nello Stato di New York vale - stima la Coldiretti - vale 5 miliardi di euro e rappresenta oltre l'80 per cento delle vendite di formaggi "italiani": in altre parole in 8 casi su 10 i consumatori statunitensi acquistano prodotti "italiani" fatti pero' interamente in Usa. "Si tratta di un grave inganno perché - sottolinea la Coldiretti - i prodotti originali Made in Italy sono profondamente diversi dalle imitazioni che non devono rispettare i rigidi disciplinari di produzione dell'Unione Europea che determinano l'area di allevamento delle mucche, di trasformazione del latte, di stagionatura dei formaggi, ma anche l'alimentazione del bestiame e tutti gli aspetti rilevanti per garantire uno standard qualitativo unico che viene sottoposto a rigidi controlli. "La presunzione di continuare a chiamare con lo stesso nome alimenti del tutto diversi è inaccettabile", ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che "l'Unione Europea ha il dovere di difendere prodotti che sono l'espressione di una identità territoriale non riproducibile altrove. E' come se si pretendesse di chiamare Coca Cola qualsiasi bevanda di colore scuro con le bollicine con l'aggravante che in questo caso non si difendono i diritti di una impresa ma quelli della storia di una intera comunità".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4