giovedì 23 febbraio | 12:39
pubblicato il 13/ago/2014 12:52

Codacons: record debito pubblico e' fallimento politiche tagli

Ora tassare banche, assicurazioni e petrolieri (ASCA) - Milano, 13 ago 2014 - "Il debito pubblico in costante aumento e' la prova di come i governi che si sono succeduti negli ultimi anni abbiano clamorosamente fallito, adottando una politica di tagli e di manovre 'lacrime e sangue' che non hanno portato alcun risultato". Con queste parole il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, ha commtato il nuovo record del debito pubblico italiano, che a giugno si e' attestato a quota 2.168,4 miliardi di euro. "Nonostante questo dato negativo il governo non puo' cadere nella tentazione di aumentare ancora le tasse, perche' tale scelta e' risultata finora deleteria, e avrebbe conseguenze negative finendo per abbassare ulteriormente i consumi. Per ridurre il debito pubblico serve semmai tassare banche, assicurazioni e petrolieri, in modo da non pesare sul ceto medio sempre piu' impoverito", ha concluso Rienzi.

Bos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Grecia
Grecia, Regling: non ci sarà bisogno di nuovo salvataggio in 2018
Conti pubblici
Moscovici: adesso Italia non adempiente, spero agisca in tempo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech