lunedì 16 gennaio | 11:53
pubblicato il 13/giu/2015 10:06

CNH Industrial: in Cina per modernizzare l'agricoltura

A Milano il Forum italo-cinese su cooperazione agroalimentare

CNH Industrial: in Cina per modernizzare l'agricoltura

Milano, 13 giu. (askanews) - Un'agricoltura moderna per ottenere sviluppo economico e sociale. È l'obiettivo del governo cinese, la strada per raggiungerlo una più stretta collaborazione con l'Italia e le sue imprese. Il tema è al centro del Forum italo-cinese per la cooperazione nel settore agroalimentare organizzato da Ice-Agenzia a Milano in occasione di Expo 2015: partecipano il vice primo ministro della Repubblica popolare cinese, Wang Yang, il ministro dell'agricoltura Han Changfu e l'italiano Maurizio Martina.

Un ruolo chiave spetta a imprese come CNH Industrial, in Cina da oltre 100 anni con i suoi marchi di macchine agricole: Case Construction con le macchine movimento terra, Iveco con veicoli commerciali pesanti e leggeri, Iveco Astra con quelli da cantiere, Magirus con veicoli antincendio, FPT Industrial con motori e trasmissioni. Stefano Pampalone, Chief operating officer Asia-Pacific Region di CNH Industrial.

"Per noi il mercato cinese è alla ricerca di macchina agricole di qualità e di un supporto alla meccanizzazione dell'agricoltura per rispondere a un'esigenza di sicurezza alimentare e noi siamo pronti a rispondere. Il piano quinquennale del governo prevede un'accelerazione dello sviluppo di un'agricoltura moderna e supporto alla meccanizzazione: una spinta di efficienza e produttività in un mercato delle macchine agricole attualmente stimato in 14 miliardi di euro con un tasso di crescita superiore alla media mondiale".

I due marchi agricoli Case IH e New Holland Agriculture hanno garantito un salto tecnologico nella meccanizzazione dell'agricoltura locale e conquistato posizioni di leadership nel mercato cinese.

"Offriamo la gamma di prodotti più ampia sul mercato in grado di aiutare gli agricoltori cinesi ad aumentare produttività e redditività, salvaguardando le risorse naturali del Paese attraverso un futuro sostenibile. Un altro aspetto importante è la formazione eil trasferimento del know how tecnologico ai giovani del Paese, abbiamo diverse iniziative e collaborazioni in corso".

CNH ha una forte presenza produttiva nel Paese, con tre siti: il complesso di Harbin che è il più grande stabilimento per la produzione di macchine agricole nel nord-est della Cina, con un centro di sviluppo e ricerca; e altri due stabilimenti a Urumqi e Foshan dalle cui linee escono le macchine per la raccolta del cotone e della canna da zucchero.

"La nostra è una presenza importante in termini commerciali, industriali e di occupazione e il nostro impegno per lo sviluppo agricolo della Cina è costante e destinato a durare nel tempo".

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Inflazione
Istat: Italia in deflazione nel 2016, non accadeva dal 1959
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Lifestyle
Superenalotto, sabato jackpot a 74,7 milioni di euro
Scienza e Innovazione
Spazio, prima passeggiata spaziale per il francese Thomas Pesquet
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
Metro C, online il nuovo portale sull'opera con diretta sui lavori