martedì 24 gennaio | 19:11
pubblicato il 06/feb/2014 17:59

Clima: Confindustria, comitato tecnico incontra Zanonato e Orlando

Clima: Confindustria, comitato tecnico incontra Zanonato e Orlando

(ASCA) - Roma, 6 feb 2014 - Il Comitato straordinario Energia e Ambiente di Confindustria, presieduto da Aurelio Regina ed Edoardo Garrone ha incontrato i Ministri dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato e dell'Ambiente Andrea Orlando e il Sottosegretario Claudio de Vincenti. Nel corso dell'incontro a porte chiuse, spiega Viale dell'Astronomia, a cui hanno preso parte oltre 100 imprenditori e amministratori rappresentanti delle principali aziende nazionali, e' stato affrontato il tema del pacchetto clima-energia per il 2030 e il suo impatto sull'industria, in vista del prossimo consiglio Europeo del 20 marzo. Confindustria ''esprime soddisfazione per la disponibilita' e l'attenzione dimostrata dai Ministri Zanonato e Orlando e si augura che il dialogo possa proseguire in modo costruttivo anche nell'ambito del Comitato di coordinamento istituito dal Presidente Letta. E' apprezzabile, inoltre, che i due ministeri, con Enea e Rse abbiano avviato una valutazione aperta alle forze imprenditoriali sulle criticita' e aspetti positivi degli obiettivi 2030''. Nel corso dell'incontro gli imprenditori hanno espresso ''la preoccupazione e l'urgenza di arrivare ad una posizione chiara e forte del Governo a tutela del manifatturiero italiano. E' necessario, infatti, evitare che le politiche europee per l'energia si ripercuotano sulla competitivita' dell'industria. Per questo, ha ribadito Confindustria, e' indispensabile un accordo sulle politiche ambientali a livello globale. Una decisione unilaterale dell'Europa, a fronte di un disimpegno degli altri paesi, sarebbe autolesionista e produrrebbe un ulteriore aumento del prezzo dell'energia all'ingrosso tra il 15 e il 20%''. Confindustria propone inoltre ''un obiettivo unico di riduzione delle emissioni, stabile nel tempo e senza obiettivi vincolanti su rinnovabili ed efficienza energetica.

In vista anche dell'industrial compact bisogna rafforzare le misure a sostegno dei settori energivori. Stiamo correndo il rischio di delocalizzare o perdere interi comparti industriali. L'auspicio e' che ora il Governo raccolga le preoccupazioni delle imprese e faccia proprie queste proposte in sede comunitaria''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Aeroporti
Aeroporti, Enac: nei prossimi 5 anni investimenti per 4,2 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4