domenica 04 dicembre | 11:48
pubblicato il 15/giu/2013 13:02

Cisl: Bonanni, il sindacato e' una ricchezza per la democrazia

Cisl: Bonanni, il sindacato e' una ricchezza per la democrazia

(ASCA) - Roma, 15 giu - Le richieste della Cisl al governo sul lavoro e sul fisco, la riforma organizzativa del sindacato con l'accorpamento delle categorie, l'accordo sulla rappresentanza e la manifestazione del 22 giugno. Sono questi i principali temi affrontati dal segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni nella sua relazione conclusiva al XVII congresso del sindacato. ''Nei vari congressi cui ho partecipato - ha esordito Bonanni - ho ricordato sempre che se ci fosse nel Paese la consapevolezza della straordinaria ricchezza che esprimiamo, sarebbe piu' facile trovare la strada maestra per ripianare le voragini di una democrazia che oggi e' in crisi per mancanza di relazioni''.

Subito dopo Bonanni ha rivelato di aver sentito, qualche minuto prima al telefono, il presidente del Consiglio e di avergli subito rinnovato le richieste del sindacato in materia di lavoro e fisco. ''Proprio adesso - ha spiegato - ho parlato al telefono con Letta e gli ho detto che non ha convenienza a intervenire in modo autoritario sulla materia del lavoro. Non siamo d'accordo a continuare con la storia che ogni governo che arriva cancella le norme sul lavoro esistenti e le riscrive''. In tal senso il leader della Cisl ha spiegato di aver rinnovato l'invito al premier di ''affidare il confronto alle parti sociali''.

Altro tema caldo quello fiscale sul quale Bonanni ha rinnovato la richiesta di un ''taglio vigoroso delle tasse su lavoratori e pensionati piuttosto che un intervento sull'Imu''. Per Bonanni, infatti, ''le misure fiscali sono come i carboidrati, che arrivano subito ai centri nervosi.

Cosi' un intervento di abbattimento delle tasse sul lavoro e sulle imprese puo' avere ricadute immediate sull'economia''.

Inevitabile il richiamo sulla rappresentanza. ''Camusso - ha tenuto a sottolineare Bonanni - e' stata molto leale nell'ultimo mese e mezzo. E' vero che ha ondeggiato un po' ma alla fine ha reso possibile cio' che sembrava impossibile e le do' atto che e' stata molto leale''. In merito alla possibilta' di arrivare ad una legge sulla rappresentanza, Bonanni pur ammettendo che ''potremmo andare in Parlamento.

Anche se bisogna chiudere gli accordi con le altre associazioni, poi vedremo. Se proprio ci si dovesse arrivare abbiamo comunque il testo dell'accordo firmato il 31 maggio tra le parti sociali''.

Riferendosi, infine, alla manifestazione di sabato 22, Bonanni ha spiegato che ''abbiamo tanti problemi economici e sociali e quella piazza deve diventare la piazza della speranza e della fiducia, per questo dobbiamo essere tanti e determinati''.

glr/rf/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari