giovedì 23 febbraio | 05:51
pubblicato il 18/dic/2013 15:04

Cisal: no a Legge Stabilità, sì a riforma fisco e lotta sprechi

Gazebo del sindacato autonomo in centro a Roma

Cisal: no a Legge Stabilità, sì a riforma fisco e lotta sprechi

Roma (askanews) - No alla Legge di Stabilità, sì a rifoma fiscale e lotta agli sprechi: è la posizione del sindacato autonomo Cisal (1,4 milioni di iscritti nel settore pubblco e privato) illustrata in un gazebo in piazza della Repubblica a Roma. "Diciamo no alla Legge di Stabilità - afferma il segretario generale Cisal Francesco Cavallaro - perchè non porta sviluppo e uccide anche la speranza. Chiediamo invece al governo una riforma del fisco e una vera lotta agli sprechi che non si è mai fatta nonostante gli annunci, più una seria lotta all'evasione fiscale basata sul conflitto tra chi vende e chi acquista beni e servizi. Su queste basi si potrebbe aprire un tavolo di confronto tra governo e parti sociali per affrontare i risolvere i problemi dei giovani, dei disoccupati e del pubblico impiego, senza continuare a tassare i soliti noti"

Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech