giovedì 23 febbraio | 13:40
pubblicato il 03/gen/2014 09:25

Cir: gruppo, nessun impatto per rimborso anticipato bond da 259 mln

(ASCA) - Roma, 3 gen 2014 - Cir annuncia di avere informato il Trustee del prestito obbligazionario 2004/2024 emesso dalla societa' il 16 dicembre del 2004 , il cui ammontare in circolazione a oggi e' di 259 milioni, di essere pronta a un eventuale rimborso anticipato in caso di richiesta in tal senso da parte dello stesso Trustee, come previsto dal regolamento del bond. Il possibile rimborso, spiega il gruppo, e' dovuto al verificarsi di un evento di inadempimento previsto dal medesimo regolamento a seguito della sospensione da parte della controllata Sorgenia dei pagamenti delle rate e degli interessi dovuti su finanziamenti concessi da vari istituti di credito. ''Tale evento, in ogni caso - rassicura la societa' -, non incide sulla posizione finanziaria netta di Cir; inoltre quest'ultima, anche dopo l'eventuale rimborso, manterrebbe comunque una disponibilita' di cassa a livello di holding''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Grecia
Grecia, Regling: non ci sarà bisogno di nuovo salvataggio in 2018
Peugeot
Peugeot, Tavares: con Opel creiamo un campione europeo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Borella, Maestro d'olio: amaro, piccante e quindi salutare
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech