martedì 17 gennaio | 11:46
pubblicato il 25/mar/2013 12:00

Cipro/ Domani riaprono le banche tranne le due più grandi

Lo hanno riferito i media locali

Cipro/ Domani riaprono le banche tranne le due più grandi

Nicosia, 25 mar. (askanews) - Tutte le banche cipriote, ad eccezione delle due più grandi, riapriranno domani. Lo hanno riferito i media locali. Le due principali banche del paese, Bank of Cyprus e Laiki Bank, che sono anche le due più colpite dalla crisi, rimarranno chiuse fino a giovedì, per dare tempo ai responsabili locali di predisporre le misure che dovranno essere applicate in cambio degli aiuti da parte dell'Eurozona. Lo ha riportato l'agenzia di stampa ufficiale Cna, citando fonti anonime della Banca centrale di Nicosia. L'accordo sul piano di salvataggio raggiunto con l'Eurogruppo prevede, per le due maggiori banche, che Laiki venga trasformata in una 'bad bank', da liquidare progressivamente, mentre i suoi attivi e i suoi depositi inferiori ai 100.000 euro verranno conferiti alla Bank of Cyprus, che a sua volta verrà pesantemente ristrutturata.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Fca
Fca, Delrio: richieste Germania? A Italia non si danno ordini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ricerca, tartaruga gigante ultimo pasto di squalo del Mesozoico
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate