lunedì 27 febbraio | 00:59
pubblicato il 21/set/2016 08:07

Cina, Psbc lancia Ipo da 7,4 mld $. La più grande dopo Alibaba

Banca postale cinese puntava però a oltre 8 mld $

Cina, Psbc lancia Ipo da 7,4 mld $. La più grande dopo Alibaba

Roma, 21 set. (askanews) - La Postal Savings Bank of China dovrebbe chiudere il suo collocamento alla borsa di Hong Kong incassando 7,4 miliardi di dollari e facendo registrare la più grande operazione dalla quotazione a New York del gigante del commercio online Alibaba nel 2014.

La valutazione da 7,4 miliardi di dollari è comunque inferiore a quanto sperato dalla Psbc che puntava ad incassare oltre 8 miliardi di dollari.

Secondo gli analisti la domanda per il titolo del "Bancoposta cinese" è stata tiepida a causa della performance deludente dei titoli finanziari sulla piazza di Hong Kong.

Psbc venderà 12,1 miliardi di azioni a 4,76 dollari di Hong Kong (0,61 dollari Usa), un prezzo nella parte bassa della forchetta proposta tra 4,68 e 5,18 dollari HK. Il debutto in borsa è previsto il prossimo 28 settembre.

Psbc è stata fondata nel 2007 come una divisione della holding che controlla le Poste cinesi. Con oltre 40.000 sportelli in tutto il Paese, è la seconda banca nazionale per presenza sul territorio dopo la Agricultural Bank of China

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech