venerdì 09 dicembre | 16:49
pubblicato il 19/ago/2014 15:44

Cina, il presidente Xi annuncia giro di vite a stipendi top manager

(ASCA) - Roma, 19 ago 2014 - Pechino annuncia un giro di vite sui compensi dei top manager delle aziende a controllo statale. L'indicazione arriva da fonte molto autorevole. Il presidente cinese, Xi Jinping, ha sottolineato che ''i compensi irragionevoli devono essere aggiustati''. I top manager delle aziende di Stato non possono avere una ''eccessiva capacita' di spesa'', ben superiore a quella definita dalle politiche del governo e dalle stesse aziende.

Xi, parlando in occasione di un meeting del partito comunista sulle riforme, ha indicato che i top manager delle aziende controllate dallo Stato ''dovrebbero collaborare attivamente per sostenere la necessita' di cambiamento''.

Anche in Cina il tema dei compensi dei manager diventa una questione politica. Dopo il crac Lehman Brothers in tutto il mondo occidentale c'e' stata una sollevazione popolare contro gli stipendi a otto zeri dei banchieri con interventi politici per fissare tetti alle retribuzioni degli executive, dagli Stati Uniti alla Gran Bretagna, dalla Francia all'Europarlamento. In realta' anche la Cina ha tentato di mettere una serie di paletti agli stipendi dei manager pubblici. Nel 2009, Pechino introdusse un tetto di 2,8 milioni di yuan (circa 500 mila dollari) all'anno per i ceo delle societa' a controllo governativo. Cifra che impallidisce davanti ai 42 milioni di dollari che l'intramontabile Jamie Dimon di JP Morgan Chase ha incassato l'anno scorso. Tuttavia pur sempre uno stipendio di tutto rispetto se confrontato con i 19 mila dollari l'anno del presidente cinese Xi. Quel tetto non ha retto alla prova dei fatti ed e' nutrito il gruppo dei top manager di Stato che incassa l'equivalente di oltre un milione di dollari l'anno. Rispettano il tetto i principali banchieri cinesi. I top manager di Bank of China, ICBC, China Construction Bank, Bank o Communications e Agricoltural Bank of China hanno percepito nel 2012 stipendi tra 320 mila e 260 mila dollari.

Nel settore privato invece le retribuzioni dei top manager hanno gia' raggiunto standard occidentali. Il numero uno della Lenovo, Yang Yuanqing, e' tra i piu' pagati da alcuni anni in Cina con uno stipendio intorno ai 12 milioni di dollari l'anno.

Pechino dunque pensa a un nuovo intervento per ridurre le retribuzioni dei manager pubblici. Oltre al presidente Xi negli ultimi mesi diversi segnali lasciano intravedere un giro di vite sui compensi. Il quotidiano People Daily, organo ufficiale del partito comunista, recentemente in un editoriale ha bollato come ''immorale'' gli alti stipendi dei top manager e le basse retribuzioni dei normali dipendenti.

Anche Xinhua, l'agenzia di stampa statale, ha puntato l'indice contro i compensi dei manager. ''Se gli executive delle societa' di Stato si concedono stipendi elevati e ricchi benefit, significa che e' stato tradito l'originale obiettivo che ha portato alla creazione di queste imprese''.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina