giovedì 08 dicembre | 01:40
pubblicato il 13/set/2015 12:01

Cina, Bri: investitori più preoccupati da vulnerabilità emergenti

Stanno rivedendo prospettive di crescita mondiali

Cina, Bri: investitori più preoccupati da vulnerabilità emergenti

Roma, 13 set. (askanews) - Gli investitori appaiono sempre più preoccupati per le crescenti vulnerabilità nelle economie emergenti, specie la Cina, e stanno rivalutando le prospettive di crescita mondiali. E' il giudizio della Banca dei Regolamenti Internazionali (Bri) che nell'ultima rassegna trimestrale esamina come gli investitori abbiano rivolto crescente attenzione alle vulnerabilità dei mercati emergenti e alle loro conseguenze per i mercati di tutto il mondo.

"Gli eventi in Cina, insieme ai negoziati con la Grecia in giugno e agli inizi di luglio - è il giudizio dell'istituto di Basilea che agisce cone 'banca delle banche centrali' - hanno intaccato la fiducia degli investitori e inciso sui prezzi delle attività in tutto il mondo. Si è innescata una spirale ribassista che ha coinvolto inizialmente i prezzi delle materie prime, poi i mercati azionari e i tassi di cambio delle economie emergenti e infine i mercati azionari delle economie avanzate. Molti di questi avvenimenti - si legge nel rapporto - erano stati prefigurati dalle variazioni osservate nella prima parte dell'anno per quanto riguarda l'attività bancaria internazionale, le emissioni di titoli di debito e la liquidità globale. Le condizioni di liquidità a livello internazionale erano abbondanti nei primi mesi del 2015, specie fra le economie avanzate, ma si intravvedevano segnali di indebolimento nelle economie emergenti.

Ecco le cifre della Bri. A fine marzo 2015 i finanziamenti in dollari USA ai prenditori non bancari residenti al di fuori degli Stati Uniti ammontavano in totale a 9.600 miliardi di dollari e quelli corrispondenti in euro a non residenti nell'area dell'euro a 2 800 miliardi. Le attività transfrontaliere denominate in euro e il credito all'area dell'euro e ad altri paesi europei si sono impennati nel primo trimestre 2015, con l'eccezione degna di nota della Grecia. Nel l primo semestre 2015 le emissioni nette di titoli di debito da parte di prenditori delle economie avanzate sono cresciute al ritmo più rapido da prima della crisi finanziaria globale, mentre quelle delle economie emergenti hanno rallentato il passo.

Due monografie della Rassegna sono infine dedicate all'analisi di questioni economiche. I tassi di interesse statunitensi a breve e a lungo termine esercitano un impatto statisticamente ed economicamente significativo sui corrispondenti tassi nei mercati emergenti e nelle economie avanzate minori, anche tenendo conto dei nessi economici e finanziari. Questi effetti, inoltre, riflettono in parte la propagazione della politica monetaria; i tassi ufficiali statunitensi, cioè, influiscono sui tassi ufficiali negli altri paesi.

L'attività bancaria transfrontaliera interna alla regione Asia-Pacifico si è rafforzata con il disimpegno delle banche europee dalla regione all'indomani della crisi. Le autorità dell'Asia-Pacifico stanno cercando di bilanciare i guadagni di efficienza derivanti da una maggiore integrazione regionale con la necessità di affrontare le sfide sul piano della regolamentazione e della stabilità finanziaria, come l'esigenza di monitorare ed attenuare i rischi di liquidità e di funding delle banche.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni