sabato 03 dicembre | 01:27
pubblicato il 31/ago/2015 12:51

Cina, basta con aiuti, ora scatta repressione contro cali Borse

Ft: pentiti anche su trasparenza. Stretta subito dopo maxi parata

Cina, basta con aiuti, ora scatta repressione contro cali Borse

Roma, 31 ago. (askanews) - Basta con la carota, adesso Pechino ha deciso che per rimettere in riga i mercati ci vuole il bastone. Secondo il Financial Times le autorità sono insoddisfatte dei risultati ottenuti mediante i massicci interventi espansivi effettuati negli ultimi due mesi contro i crolli dei mercati azionari, e si apprestano a ridurre queste operazioni per rafforzare invece le misure repressive, contro tutti coloro ritenuti responsabili di "destabilizzazione".

Inoltre i policy maker del gigante asiatico avrebbero concluso che si è anche esagerato con la trasparenza sulle informazioni: si è lasciato che troppe fossero di dominio pubblico. Il quotidiano finanziario cita il resoconto di un vertice tenuto giovedì scorso. Pechino ora intenderebbe punire coloro che hanno approfittato delle manovre pubbliche per ottenere profitti mentre ostacolavano l'obiettivo governativo di stabilizzare i mercati.

La scorsa settimana l'autorità di vigilanza ha convocato una ventina di società di brokerage intimando loro di aumentare i controlli e riferendo che di recente 22 casi di insider trading o manipolazioni dei mercati sono stati trasmessi alla polizia. Nel mirino

L'unico intoppo è che per effettuare questo giro di vite bisognerà attendere ancora qualche giorno perché le autorità non vogliono guastare il clima trionfalistico per la mega parata militare con cui questa settimana verrà celebrato il 70esimo anniversario della vittoria nella II guerra sino giapponese. Oggi Shanghai ha chiuso con un limitato meno 0,78 per cento, la più piccola Shenzhen con un calo più marcato, meno 2,44 per cento, mentre Hong Kong con un più 0,27 per cento.

In generale, l'azionario cinese ha perso circa il 37 per cento rispetto al picco di metà giugno, nonostante che negli ultimi mesi il gigante asiatico abbia speso l'equivalente di 200 miliardi di dollari per arginare la caduta, e mobilitando un quantitativo di fondi ancora più rilevante.

Intanto Goldman Sachs è solo l'ultima tra diverse banche d'affari e istituzioni ad aver rivisto al ribasso le previsioni di crescita sulla Cina: 2016 6,4 per cento, 2017 6,1 per cento, 2018 5,8 per cento, circa 0,4 punti in meno rispetto alle stime precedenti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari