domenica 04 dicembre | 16:05
pubblicato il 07/nov/2013 12:00

Chiusura pesante per Piazza Affari (-2%), male banche e Telecom

Bce taglia tassi, ma nessuna indicazione di una nuova Ltro

Chiusura pesante per Piazza Affari (-2%), male banche e Telecom

Milano, 7 nov. (askanews) - Chiusura in forte ribasso per Piazza Affari, di gran lunga la peggior Borsa oggi del Vecchio Continente, appesantita dal tonfo di Telecom e dei titoli bancari. L'indice principale Ftse Mib ha lasciato sul terreno il 2,07% a 18.863 punti, nel giorno in cui la Bce, a sorpresa, ha deciso di tagliare ai minimi storici il costo del denaro. Volatili gli altri indici europei che hanno frenato l'iniziale corsa, delusi dalla mancanza di indicazioni di una nuova Ltro da parte dell'Eurotower. Tra le blue chip forti vendite su Bpm (-4,99%), Saipem (-4,54%), Telecom (-4,26%), Mps (-3,49%) e Unicredit (-3,34%).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari