mercoledì 18 gennaio | 21:27
pubblicato il 07/nov/2013 12:00

Chiusura pesante per Piazza Affari (-2%), male banche e Telecom

Bce taglia tassi, ma nessuna indicazione di una nuova Ltro

Chiusura pesante per Piazza Affari (-2%), male banche e Telecom

Milano, 7 nov. (askanews) - Chiusura in forte ribasso per Piazza Affari, di gran lunga la peggior Borsa oggi del Vecchio Continente, appesantita dal tonfo di Telecom e dei titoli bancari. L'indice principale Ftse Mib ha lasciato sul terreno il 2,07% a 18.863 punti, nel giorno in cui la Bce, a sorpresa, ha deciso di tagliare ai minimi storici il costo del denaro. Volatili gli altri indici europei che hanno frenato l'iniziale corsa, delusi dalla mancanza di indicazioni di una nuova Ltro da parte dell'Eurotower. Tra le blue chip forti vendite su Bpm (-4,99%), Saipem (-4,54%), Telecom (-4,26%), Mps (-3,49%) e Unicredit (-3,34%).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina