domenica 26 febbraio | 21:16
pubblicato il 07/nov/2013 12:00

Chiusura pesante per Piazza Affari (-2%), male banche e Telecom

Bce taglia tassi, ma nessuna indicazione di una nuova Ltro

Chiusura pesante per Piazza Affari (-2%), male banche e Telecom

Milano, 7 nov. (askanews) - Chiusura in forte ribasso per Piazza Affari, di gran lunga la peggior Borsa oggi del Vecchio Continente, appesantita dal tonfo di Telecom e dei titoli bancari. L'indice principale Ftse Mib ha lasciato sul terreno il 2,07% a 18.863 punti, nel giorno in cui la Bce, a sorpresa, ha deciso di tagliare ai minimi storici il costo del denaro. Volatili gli altri indici europei che hanno frenato l'iniziale corsa, delusi dalla mancanza di indicazioni di una nuova Ltro da parte dell'Eurotower. Tra le blue chip forti vendite su Bpm (-4,99%), Saipem (-4,54%), Telecom (-4,26%), Mps (-3,49%) e Unicredit (-3,34%).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech