lunedì 27 febbraio | 17:39
pubblicato il 25/gen/2013 10:06

Cgil: presentato piano lavoro. Necessari 50 mld medi...(1 Update)

(ASCA) - Roma, 25 gen - Creare nuovi posti di lavoro, mettendo al centro il territorio, riqualificando industria e servizi, riformando la pubblica amministrazione e il welfare con l'ambizione di dare senso all'intervento pubblico come motore dell'economia. Sono gli obiettivi principali del piano del lavoro presentato oggi dalla Cgil nel quale si indica come necessita' una profonda riforma fiscale, un sostegno concreto all'occupazione e la riforma del mercato del lavoro e degli ammortizzatori sociali. Misure che richiedono risorse totali per circa 50 miliardi medi nel triennio 2013-2015.

In sostanza - si legge nel piano - per la realizzazione degli obiettivi occorrono risorse dedicate a progetti prioritari (4-10 miliardi di euro l'anno), programmi del piano straordinario di creazione diretta di lavoro (15-20 miliardi di euro l'anno), sostegno all'occupazione, riforma del mercato del lavoro e ammortizzatori sociali (5-10 miliardi di euro l'anno), piano per un nuovo welfare (10-15 miliardi di euro l'anno), restituzione fiscale (15-20 miliardi di euro l'anno). L'attivazione del piano - secondo la Cgil - potrebbe generare una crescita del pil del 3,1% nel triennio e del 2,9% di incremento dell'occupazione, riportando il tasso di disoccupazione nel 2015 a livello pre-crisi.

Per recuparare le risorse quantificate in circa 50 miliardi il sindacato guidato da Susanna Camusso indica 8 percorsi. Prima di tutto la riforma organica del sistema fiscale fondata su un recupero strutturale del reddito evaso che insieme ad un allargamento delle basi imponibili ad una maggiore progressivita' dell'imposizione puo' generare maggiori entrate per un ammontare di almeno 40 miliardi di euro annui. In secondo luogo la Cgil chiede la riduzione dei costi della politica e degli sprechi che insieme alla redistribuzione della spesa pubblica possono produrre almeno 20 miliardi di euro di risparmi strutturali. Dal riordino, agevolazioni e trasferimenti alle imprese per il sindacato si possono recuperare invece almeno 10 miliardi, mentre l'utilizzo di una parte delle risorse delle fondazioni bancarie potrebbero essere utilizzate per il piano per il nuovo welfare.

Le altre misure riguardano l'uitilizzo programmato dei fondi europei, lo scorporo degli investimenti dai criteri di applicazione del patto di stabilita' e crescita, l'utilizzo dei fondi pensione attraverso progetti per favorire la canalizzazione dei risparmi verso il finanziamento degli investimenti di lungo periodo e il consolidamento da parte della Cassa depositi e prestiti della sua missione di utilizzare le proprie emissioni obbligazionarie di lungo e lunghissimo termine per attirare i capitali su progetti di sviluppo e infrastrutturali per investimenti strategici, sia per la pubblica amministrazione, sia per le societa' industriali.

glr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech