venerdì 09 dicembre | 07:36
pubblicato il 09/mag/2015 18:56

Cgil: da giugno stipendi a rischio per dipendenti Province

'Riordino non avanza e scattano i tagli: i problemi si aggravano'

Cgil: da giugno stipendi a rischio per dipendenti Province

Roma, 9 mag. (askanews) - Da giugno lo stipendio per molti dipendenti delle Province potrebbe essere a rischio. Il riordino degli enti procede infatti a rilento e a fine maggio, sostiene la Cgil, scatterà il prelievo di un miliardo di euro da parte dello Stato, previsto dai tagli della legge di stabilità. Per molte Province le difficoltà si aggraveranno, non solo nel garantire i servizi ma anche nel pagamento degli stipendi ai lavoratori. E da alcuni enti arrivano già segnali poco rassicuranti, con ritardi e interventi sul salario accessorio.

"La legge di stabilità - spiega il segretario nazionale della Fp-Cgil, Federico Bozzanca - stabilisce un prelievo di un miliardo nel 2015, due miliardi nel 2016 e tre miliardi nel 2017. Quando è stato votato, questo prelievo è stato condizionato al trasferimento delle funzioni in applicazione della legge Delrio sul riordino delle Province. Ma questo trasferimento non sta avvenendo, per ritardi delle Regioni e perchè il governo non sta sostenendo il processo. E più si ritarda - sottolinea - e più le Province dovranno mantenere le stesse funzioni con lo stesso personale, ma senza avere le risorse per farlo. Questo sta generando un grande problema sia per i servizi sia per il mantenimento del personale".

"Già in questi mesi - secondo Bozzanca - si sta riducendo la qualità dei servizi e nei prossimi si rischia di toccare gli stipendi. A Torino è stato messo in discussione il buono pasto, a Vibo Valentia non si paga lo stipendio da cinque mesi. Sono segnali preoccupanti e c'è il pericolo che queste situazioni eccezionali possano diventare la norma. Entro giugno - aggiunge - ci sarà il prelievo di un miliardo e la riduzione di liquidità potrebbe comportare problemi di gestione".

(segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni