martedì 06 dicembre | 17:34
pubblicato il 23/mag/2015 15:07

Cgil-Cisl-Uil contro Renzi: sindacato unico nei regimi totalitari

"Basta polveroni, il premier pensi ai problemi del Paese"

Cgil-Cisl-Uil contro Renzi: sindacato unico nei regimi totalitari

Roma, 23 mag. (askanews) - Pensioni, Jobs act, scuola, politica industriale, rinnovo dei contratti del pubblico impiego, legge di stabilità: lo scontro tra il premier Matteo Renzi e Cgil, Cisl e Uil ha toccato un po tutti i temi con il termometro della tensione in costante salita. Ora il fronte si allarga al modello stesso di sindacato, che nella visione del presidente del consiglio dovrebbe essere unico. L'idea di un solo sindacato, tratteggiata nei titoli da Renzi durante il suo tour elettorale in Campania, non è piaciuta a nessuno.

La reazione delle tre confederazioni non si è fatta attendere ed è stata dura sia nei toni che nei contenuti. "Penso che il tema sia quello del sindacato unitario. Il sindacato unico è invece una concezione che esiste solo nei regimi totalitari", ha tuonato Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, sottolineando che si tratta di "una concezione che è concettualmente sbagliata perché presuppone che la totalità di orientamenti e la rappresentanza di tutti i soggetti, anche diversi, che vi sono nel mondo del lavoro, vengano inclusi in un pensiero unico che non fa parte della modernità".

Più sfumata, ma allo stesso tempo netta, è stata la presa di posizione di Annamaria Furlan, leader della Cisl: "L'Italia non ha bisogno di un sindacato unico, ma di sindacati responsabili e riformatori. Non serve a niente alzare polveroni o buttare benzina sul fuoco su questo tema. Piuttosto il Governo si occupi dei problemi veri del Paese, a cominciare dalla questione della crescita, del sostegno ai redditi più bassi e degli investimenti per creare posti di lavoro per i giovani e dare una prospettiva occupazionale a quanti purtroppo si trovano senza lavoro".

Pesanti anche le parole di Carmelo Barbagallo, numero uno della Uil, secondo cui il presidente del consiglio vorrebbe un sindacato "come quello che ha Putin. Dove c'è un sindacato unico - ha detto - o ci sono governi totalitari o ci sono lavoratori che stanno peggio. Si deve rassegnare a un sindacato riformista. Vorrei capire poi cosa pensa della rappresentanza degli imprenditori nel ruolo di parte sociale. Pensa pure lì a un sindacato imprenditoriale unico? L'idea di Renzi è sempre quella dell'uomo solo al comando. Ha quella impostazione. Mi dispiace, ma non è possibile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Lego
Lego, la dinastia Kirk Kristiansen blinda il futuro dei mattoncini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni