venerdì 02 dicembre | 23:33
pubblicato il 27/dic/2014 15:53

Cgia: in Italia rincari tariffe pubbliche più elevati d'Europa

"Nel 2014 boom dei rifiuti"

Cgia: in Italia rincari tariffe pubbliche più elevati d'Europa

Roma, 27 dic. (askanews) - I rincari delle tariffe pubbliche in Italia sono tra i più elevati d'Europa. Lo sottolinea la Cgia di Mestre, spiegando che nell'ultimo anno c'è stato un boom dei rifiuti: con l'introduzione della Tari abbiamo pagato il 12,2% in più. Luce, gas e trasporti sono le voci di spesa che gravano maggiormente sui bilanci delle famiglie e delle piccole imprese italiane

Tra il 2010 e il 2014 solo in Spagna le tariffe pubbliche sono rincarate più delle nostre. Se a Madrid l'aumento medio è stato del 23,7%, prosegue la Cgia, in Italia, come del resto è successo in Irlanda, l'incremento è stato del 19,1%. Tra i grandi paesi d'Europa, invece, la Francia ha registrato un rincaro medio del 12,9%, mentre la Germania ha segnato un ritocco all'insù dei prezzi solo del 4,2%. L'area dell'euro ha subito un incremento dei prezzi amministrati dell'11,8%: oltre 7 punti percentuali in meno che da noi. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari