sabato 25 febbraio | 19:16
pubblicato il 25/mar/2014 09:18

Cerved: nel 4* trim protesti in calo e si riducono tempi pagamenti

Cerved: nel 4* trim protesti in calo e si riducono tempi pagamenti

(ASCA) - Roma, 25 mar 2014 - Gli ultimi tre mesi del 2013 confermano la positiva inversione di tendenza del trimestre precedente, sia sul versante dei protesti, sia dei ritardi nei pagamenti secondo le rilevazioni del Cerved. In calo del 9,4% le societa' protestate rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente e si riducono a meno di 80 giorni il tempo per i pagamenti.

''L'uscita in massa dal mercato delle societa' piu' fragili - commenta Gianandrea De Bernardis, amministratore delegato di Cerved Group - documentata dalla nostre analisi sulle chiusure d'impresa, coincide nell'ultima parte dell'anno con un miglioramento delle condizioni economiche - finanziarie delle aziende che hanno resistito alla crisi''.

I dati analizzati da Cerved indicano una netta caduta del numero di societa' protestate rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Tra ottobre e dicembre si contano 59mila aziende cui e' stato levato almeno un protesto, il 13,7% in meno rispetto allo stesso trimestre del 2012. Per il secondo trimestre consecutivo il calo interessa non solo le imprese individuali (-15,8%), per cui il miglioramento e' in atto dalla fine del 2012, ma anche le altre forme giuridiche: si riduce infatti del 9,4% il numero di imprese non individuali protestate, portando cosi' il numero complessivo per l'intero anno a quota 42mila, l'1,8% in meno rispetto al 2012. A livello annuale, nell'ambito delle imprese non individuali, si riscontrano segnali positivi in tutti i settori analizzati anche se il fenomeno rimane a livelli storicamente alti nelle costruzioni e nel terziario. Proprio l'edilizia si conferma il comparto caratterizzato dalla maggiore diffusione del fenomeno, con indici quasi doppi rispetto al resto dell'economia: e' stato protestato un assegno o una cambiale al 3% delle aziende del comparto contro l'1,6% dell'industria. Anche il terziario, pur facendo registrare un calo dei protestati dell'1,7% rispetto al 2012 rimane a livelli elevati (quasi 23mila aziende protestate), superiori rispetto a quelli toccati durante la recessione del 2009.

Dal punto di vista geografico, la riduzione del fenomeno dei protesti interessa tutta la penisola a eccezione del Nord-Est che, nonostante il lieve calo dell'ultimo trimestre, non riesce a invertire il trend negativo dei primi nove mesi del 2013. Nell'intero anno si sono registrate quasi 5mila imprese protestate nell'area, il 2,1% in piu' rispetto al 2012. Il Nord-Ovest evidenzia una diminuzione del fenomeno del 2,4%, il Mezzogiorno dell'1,2% mentre il Centro traina il miglioramento con un -3,8%.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Volkswagen
Volkswagen, torna in utile nel 2016 per 5,1 mld dopo dieselgate
Generali
Intesa Sanpaolo: non individuate opportunità su Generali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech