venerdì 09 dicembre | 04:55
pubblicato il 05/dic/2014 13:07

Censis: periferie italiane degradate a rischio "banlieue"

"Non possono più essere considerate un'eccezione".

Censis: periferie italiane degradate a rischio "banlieue"

Roma, 5 dic. (askanews) - Il degrado delle periferie italiane non può più essere ridotto a semplice eccezione alla regola del "buon vivere". Lo afferma il Censis nel suo 48esimo Rapporto evocando il rischio per le nostre città di un effetto "banlieue", ovvero di disordini simili a quelli avvenuti nelle periferie parigine.

"Per un paese come l'Italia - spiega il Censis - che ha fatto della coesione sociale un valore centrale e che si è spesso ritenuto indenne dai rischi connessi alle fratture sociali che si ritrovano nella banlieue parigine o nei quartieri degradati della inner London, le problmaticità incancrenite di alcune zone ad elevatissimo degrado non possono essere ridotte a una semplice eccezione alla regola del 'buon vivere'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni