martedì 21 febbraio | 14:06
pubblicato il 05/dic/2014 13:07

Censis: periferie italiane degradate a rischio "banlieue"

"Non possono più essere considerate un'eccezione".

Censis: periferie italiane degradate a rischio "banlieue"

Roma, 5 dic. (askanews) - Il degrado delle periferie italiane non può più essere ridotto a semplice eccezione alla regola del "buon vivere". Lo afferma il Censis nel suo 48esimo Rapporto evocando il rischio per le nostre città di un effetto "banlieue", ovvero di disordini simili a quelli avvenuti nelle periferie parigine.

"Per un paese come l'Italia - spiega il Censis - che ha fatto della coesione sociale un valore centrale e che si è spesso ritenuto indenne dai rischi connessi alle fratture sociali che si ritrovano nella banlieue parigine o nei quartieri degradati della inner London, le problmaticità incancrenite di alcune zone ad elevatissimo degrado non possono essere ridotte a una semplice eccezione alla regola del 'buon vivere'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia