giovedì 19 gennaio | 00:07
pubblicato il 05/dic/2014 12:16

Censis: periferie italiane degradade a rischio "banlieue"

"Non possono più essere considerate un'eccezione".

Censis: periferie italiane degradade a rischio "banlieue"

Roma, 5 dic. (askanews) - Il degrado delle periferie italiane non può più essere ridotto a semplice eccezione alla regola del "buon vivere". Lo afferma il Censis nel suo 48esimo Rapporto evocando il rischio per le nostre città di un effetto "banlieue", ovvero di disordini simili a quelli avvenuti nelle periferie parigine.

"Per un paese come l'Italia - spiega il Censis - che ha fatto della coesione sociale un valore centrale e che si è spesso ritenuto indenne dai rischi connessi alle fratture sociali che si ritrovano nella banlieue parigine o nei quartieri degradati della inner London, le problmaticità incancrenite di alcune zone ad elevatissimo degrado non possono essere ridotte a una semplice eccezione alla regola del 'buon vivere'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina