domenica 04 dicembre | 07:17
pubblicato il 05/dic/2014 12:16

Censis: periferie italiane degradade a rischio "banlieue"

"Non possono più essere considerate un'eccezione".

Censis: periferie italiane degradade a rischio "banlieue"

Roma, 5 dic. (askanews) - Il degrado delle periferie italiane non può più essere ridotto a semplice eccezione alla regola del "buon vivere". Lo afferma il Censis nel suo 48esimo Rapporto evocando il rischio per le nostre città di un effetto "banlieue", ovvero di disordini simili a quelli avvenuti nelle periferie parigine.

"Per un paese come l'Italia - spiega il Censis - che ha fatto della coesione sociale un valore centrale e che si è spesso ritenuto indenne dai rischi connessi alle fratture sociali che si ritrovano nella banlieue parigine o nei quartieri degradati della inner London, le problmaticità incancrenite di alcune zone ad elevatissimo degrado non possono essere ridotte a una semplice eccezione alla regola del 'buon vivere'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari