domenica 04 dicembre | 07:52
pubblicato il 29/lug/2014 12:30

Cementir: nel 1* semestre triplica utile netto, target confermati

(ASCA) - Roma, 29 lug 2014 - Cementir archivia il primo semestre accelerando sulla redditivita'. L'utile netto di periodo ammonta a 20,5 milioni, quasi triplicato rispetto ai 7,4 milioni dell'analogo periodo dell'anno scorso a fronte di un margine operativo lordo di 78,4 milioni (+16,4 milioni).

I ricavi delle vendite risultano in linea con il primo semestre 2013 in quanto ''il buon andamento delle attivita' nelle diverse aree geografiche di intervento, ad eccezione dell'Italia, e' stato neutralizzato da un effetto cambio negativo: la svalutazione delle principali valute estere nei confronti dell'euro ha avuto un impatto sfavorevole sui ricavi di oltre 44 milioni di euro''. A cambi costanti, infatti, i ricavi si sarebbero attestati a 517,1 milioni di euro, in aumento del 9,4% rispetto all'anno precedente, beneficiando di un incremento complessivo dei volumi venduti di cemento (+6,6%), calcestruzzo (+0,6%) e inerti (+17,2%) con prezzi di vendita in generale aumento. Sulle prospettive per l'esercizio Cementir conferma i target che prevedono il raggiungimento di un margine operativo lordo superiore a 180 milioni di euro e un indebitamento finanziario netto di circa 280 milioni di euro.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari