lunedì 27 febbraio | 22:07
pubblicato il 24/giu/2014 15:31

Casa: Cgil-Sunia, aumentano sfratti per morosita'. Affrontare disagio

(ASCA) - Roma, 24 giu 2014 - L'aumento degli sfratti per morosita' registrati lo scorso anno, pari all'89% del totale di quelli emessi, rappresentano ''un vero e proprio 'bollettino di guerra' che impone il bisogno di affrontare il disagio abitativo con da un lato l'accelerazione nell'attuazione delle misure di spesa contenute nel recente decreto casa, dall'altro la consapevolezza che le risorse stanziate per affrontare l'emergenza sono assolutamente inadeguate''. E' la valutazione della Cgil e del Sunia, il sindacato degli inquilini, circa i dati sugli sfratti relativi al 2013 diffusi dal Ministero degli Interni.

Dati che, rilevano le due organizzazioni, ''confermano una complessiva crescita del totale degli sfratti emessi nel 2013 rispetto all'anno precedente. Lo scorso anno infatti si sono registrati 73.385 sfratti emessi, in crescita del +8% rispetto al 2012 quando se ne contavano 67.790''. Per quanto riguarda invece gli sfratti per morosita', la Cgil e il Sunia parlano di ''un aumento inarrestabile: sono infatti 65.302, contro i 60.244 del 2012, e rappresentano l'89% del totale degli sfratti emessi''. Nel dettaglio, osservano, ''risultano in aumento anche le richieste di esecuzione dello sfratto con l'ufficiale giudiziario che dalle 120.903 del 2012 passano alle 129.577 del 2013 (+6,70%) e gli sfratti eseguiti con l'intervento dell'ufficiale giudiziario: dai 27.695 del 2012 ai 31.399 del 2013 (+12%)''. Per quanto riguarda la ripartizione geografica, ''ben 22 province hanno incrementi degli sfratti per morosita' superiori al 20%, tra le piu' grandi Napoli con il 22%, Catania con il 26% di Catania, La Spezia con il 43%. Roma e' di gran lunga la citta' con il piu' alto numero di sfratti per morosita': sono 7.042, in aumento del 14% rispetto ai 6.191 dell'anno precedente. Seguono poi Milano e Napoli''.

Una fotografia che disegna quindi 'un bollettino di guerra'. ''E' giunto il momento - spiegano Cgil e Sunia - di affrontare il disagio abitativo con politiche di ampio respiro che prevedano: un piano pluriennale di edilizia sociale in affitto a canoni sostenibili, puntando sul recupero di aree ed edifici dismessi senza ulteriore consumo di suolo; una revisione della legge sulle locazioni che punti, attraverso contrattazione collettiva e leva fiscale, ad abbassare il livello degli affitti privati e ad aumentare l'offerta; una dotazione finanziaria certa e continuativa per permettere programmazione degli interventi e sostegno diretto agli inquilini in difficolta'''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech