martedì 21 febbraio | 14:07
pubblicato il 09/dic/2015 16:03

Carte Credito, in vigore tetto commissioni: favorirà consumatori?

Da oggi la norma Ue, vale per tutte carte ma non per Amex e Diners

Carte Credito, in vigore tetto commissioni: favorirà consumatori?

Roma, 9 dic. (askanews) - E' entrato in vigore oggi il nuovo provvedimento Ue che impone un tetto dello 0,3% alle commissioni interbancarie dei pagamenti effettuati con carte di credito e dello 0,2% per quelli effettuati con carte di debito. Un regolamento che, secondo la Commissione Ue, farà risparmiare ai cittadini europei nel loro complesso 6 miliardi di euro all'anno: prima dell'entrata in vigore della norma, infatti, le commissioni interbancarie toglievano a commercianti e professionisti del Vecchio Continente 10 miliardi l'anno che andavano poi a pesare sui consumatori.

Il provvedimento riguarda la maggior parte delle carte in circolazione come le carte di emanazione bancaria, come Visa e Mastercard (insieme fanno quasi il 90% del mercato mondiale) e Pagobancomat mentre non tocca i cosiddetti "sistemi a tre parti" come le carte American Express e Diners.

Una diversità di trattamento, quest'ultima che viene criticata da Antonio Longo, presidente della Italian E-Payment Coalition (IEPC) l'associazione dei consumatori che nasce con l'obiettivo di sensibilizzare il cittadino al corretto uso della moneta elettronica. Le conseguenze di tale asimmetria? "Molte e sconvenienti sia per i consumatori che per i commerciati - spiega Longo -. Il Governo ha scelto di fare un regalo ad Amex e Diners, ma non ai cittadini che possiedono le loro carte: visto che i costi di accettazione sono più alti rispetto alle altre carte, i commercianti, penalizzati dalla norma, potrebbero scegliere di applicare un sovrapprezzo al momento della transazione o non accettare questi due circuiti".

Inoltre, sempre secondo Longo "Oltre il 90% dei consumatori possiede carte PagoBancomat, Visa e Mastercard: per loro il rischio di pagare canoni annui più costosi è alto, come dimostrato dalle infelici esperienze in Spagna, Stati Uniti e Australia, i cui Governi hanno applicato norme simili a quella che sta per entrare in vigore nel nostro Paese".

Critiche anche Federconsumatori e Adusbef: "Le nuove norme, decise dall'Unione europea e ratificate dal Consiglio dopo il via libera dell'Europarlamento, produrranno vantaggi per gli esercenti, ma scarsi benefici per i consumatori", hanno commentato le due associazioni.

Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia