martedì 06 dicembre | 04:11
pubblicato il 29/mag/2015 09:50

Carlo Cottarelli: l'Fmi apprezza le riforme del governo Renzi

"Necessari tagli alla spesa in tutti i campi ma non alla Cultura"

Carlo Cottarelli: l'Fmi apprezza le riforme del governo Renzi

New York (askanews) - "La strategia di riforma del l'Italia è compresa molto bene, c'è un forte apprezzamento che è emerso anche durante l'ultima consultazione del Fondo monetario internazionale e c'è un forte sostegno all'azione fatta da questo governo per le riforme, in particolare per il lavoro, la Pubblica amministrazione e le popolari. Ovviamente però, il lavoro deve continuare".

Così Carlo Cottarelli, direttore esecutivo italiano presso il Fondo monetario internazionale ed ex commissario per la Revisione della spesa pubblica, ha commentato ad askanews la posizione dell'Fmi rispetto alle riforme che sta attuando in Italia il governo Renzi. Cottarelli inoltre si è soffermato anche sulle necessità di tagli alla spesa in tutti i settori.

"Fino al 2009 - ha detto - la spesa al netto degli interessi, che è quella che si può ridurre, è sempre aumentata. Dal 2009 in poi la spesa si è stabilizzata in termini di euro che si spendono, come potere d'acquisto si è ridotta circa del 10% che non è un taglio rilevante. Bisogna guardare a tutti i settori sulla base dei nostri studi quello in cui non si spende certo troppo è quello della cultura, in tutti gli altri settori c'è qualcosa che si potrebbe fare. Anche in quello della Pubblica istruzione e dell'Università anche se lì reinvestirei nel settore stesso le risorse risparmaiate perché non si spende troppo in questo settore".

Cottarelli ha appena dato alle stampe il libro "La lista della spesa" in cui ripercorre, appunto, gli interventi necessari per rimettere a posoto i conti pubblici.

"L'idea - ha spiegato - era scrivere un libro per spiegare che cos'è la spesa pubblica in Italia, cosa si è fatto per ridurla, cos'altro si può fare. Ci sono in giro troppe leggende metropolitane sulla spesa pubblica in Italia. Per questo s'intitola 'La lista della spesa', perché voleva essere un titolo oggettivo. Siccome non c'è niente di più oggettivo della lista della spesa, l'ho chiamato così".

Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari