lunedì 20 febbraio | 05:58
pubblicato il 17/feb/2014 09:02

Carburanti: QE, prezzi stabili nel week-end. Eni ferma da 2 settimane

(ASCA) - Roma, 17 feb 2014 - Un week-end tranquillo per i prezzi raccomandati dei carburanti sulla rete nazionale, alla luce di mercati che si sono mantenuti stabili. Da notare che, dopo gli aumenti generalizzati della scorsa settimana, Eni continua a restare ferma ormai da due settimane.

Prezzi praticati sul territorio a loro volta senza oscillazioni degne di attenzione, con le ultime tendenze agli aumenti nella benzina per chi ha ritoccato i listini piu' recentemente.

Nel dettaglio, le medie nazionali della benzina e del diesel sono adesso a 1,780 e 1,709 euro/litro (Gpl a 0,816).

Le ''punte'' in alcune aree sono per la ''verde'' fino a 1,829 euro/litro, il diesel a 1,743 e il Gpl a 0,834.

La situazione a livello Paese (sempre in modalita' ''servito''), secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check-Up Prezzi QE, vede il prezzo medio praticato della benzina che va oggi dall'1,761 euro/litro di Eni all'1,780 di IP (no-logo a 1,660). Per il diesel si passa dall'1,691 euro/litro di Esso all'1,709 di IP (no-logo a 1,580). Il gpl, infine, e' tra 0,792 euro/litro di Eni e 0,816 di IP (no-logo a 0,764).

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia