sabato 21 gennaio | 19:14
pubblicato il 02/set/2013 14:41

Carburanti: Mdc, sui prezzi speculazione inaccettabile

Carburanti: Mdc, sui prezzi speculazione inaccettabile

(ASCA) - Roma, 2 set - ''Sta diventando insostenibile la situazione sulle strade italiane, i prezzi della benzina stanno raggiungendo la soglia dei 2 euro in controtendenza rispetto al mercato internazionale interessato da un vistoso calo dei prezzi. Pochi gli italiani andati in vacanza e quelli che con grossi sacrifici ci sono riusciti trovano una bella sorpresa al rientro. E' una speculazione inaccettabile delle compagnie petrolifere sulle tasche degli italiani.

Nell'ultimo anno causa le vicende sulla scena nazionale e internazionale i prezzi hanno subito rialzi a dismisura, adesso e' necessario intervenire''. Il Movimento Difesa del Cittadino (Mdc) chiede risposte e chiarimenti sui continui rialzi dei prezzi nel settore dei carburanti. ''Il Governo dovrebbe elaborare un vero e proprio piano per bloccare gli aumenti e le speculazioni. Le tutele introdotte dal ''Decreto del Fare'' appena qualche mese fa rischiano di rivelarsi uno specchietto per le allodole in assenza di un'etica delle compagnie con i cartelloni dei prezzi spenti sulle autostrade. Di questo passo non solo non esisteranno per i consumatori prezzi competitivi da poter confrontare ma si rischia l'abbandono definitivo delle automobili e la paralisi economica del Paese''.

Mdc ricorda ai consumatori alcune delle interessanti norme introdotte dai due decreti ministeriali contenuti nel Decreto del Fare riguardanti i prezzi dei carburanti: ''la cartellonistica deve riportare il prezzo effettivamente praticato dalla pompa di benzina in modalita' self - service, escludendo eventuali sconti praticati dalla compagnia. Questo permettera' al consumatore di valutare la differenza reale tra il prezzo base e il prezzo scontato; inoltre l'esposizione dei prezzi in euro per litro con i millesimi di euro meno evidenti. Questa modifica consente al consumatore di non scegliere solo sulla base della terza cifra decimale, ma di concentrarsi maggiormente sulla prima cifra e tenere in considerazione quindi altri parametri quali la qualita' del servizio o la vicinanza dell'impianto.

L'indicazione dei prezzi deve seguire il seguente schema: gasolio, benzina, GPL e metano, per rendere piu' rapida la lettura e l'individuazione del prodotto a cui l'automobilista e' interessato; infine, la distinzione dei prezzi, anche visiva con cartelli separati, sulla base delle modalita' di erogazione del servizio. Quindi dovra' essere chiara la differenza tra modalita' servita e self - service.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4