sabato 21 gennaio | 01:55
pubblicato il 20/nov/2013 12:07

Carburanti: Faib, chiusi 1.000 distributori in 10 mesi per crisi e fisco

(ASCA) - Roma, 20 nov - Nei primi 10 mesi del 2013 1.009 gestori di impianti di distribuzione di carburanti hanno cessato la loro attivita' a causa della ''crisi dei consumi interni, combinata ad un incremento record dell'imposizione fiscale sui carburanti e sulle imprese''. E' quanto emerge dai dati dell'Osservatorio Confesercenti.

La Presidenza Nazionale Faib, riunita oggi a Roma, lancia l'allarme: l'aumento del peso del fisco sui carburanti e sulle imprese di distribuzione ha contratto i consumi e annullato i margini, spingendone molti impianti storici alla chiusura e aumentando l'esposizione debitoria del 50% della categoria. ''Ci sono 11mila gestori - spiega il Presidente di Faib Martino Landi - che hanno accumulato debiti per mezzo miliardo di euro, rischiando di giocarsi casa''. ''Il fisco tartassa il settore - continua - a partire dagli incrementi record della accise: in nemmeno tre anni l'accisa e' stata rialzata gia' 5 volte, arrivando ad aumentare di quasi il 46% sul gasolio, del 29% sulla benzina e del 17% sul gpl. Oltretutto, pesa sulla categoria la spada di Damocle della clausola di salvaguardia: se non si dovessero trovare risorse per la copertura della prima rata dell'Imu - saltate per la mancata sanatoria sui giochi - si aumenteranno di nuovo le accise. Non siamo il Bancomat d'Italia: e' una vergogna che si faccia sempre cassa su questo settore''. ''Il risultato - continua Landi - e' tragico: vendite in picchiata (-20% su 2012) e azzeramento dei margini di guadagno (sotto il 2% del prezzo finale).Abbiamo sempre chiesto una razionalizzazione ''governata' della rete di distribuzione: cosi', pero', la razionalizzazione la sta facendo la crisi, in modo selvaggio e senza una logica di governo della rete, mentre le compagnie petrolifere si sottraggono da anni all'obbligo di rinnovare i contratti di gestione. Ancora piu' drammatica la situazione in autostrada, dove le perdite di venduto sono del 50% negli ultimi tre anni. Oltre la meta' delle aree e' in dissesto economico e a breve potrebbe non garantire piu' il servizio. E le prospettive sono nere, considerando il disimpegno delle compagnie e la rendita di posizione dei concessionari autostradali''.

com-fgl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4