sabato 03 dicembre | 12:58
pubblicato il 20/nov/2013 12:07

Carburanti: Faib, chiusi 1.000 distributori in 10 mesi per crisi e fisco

(ASCA) - Roma, 20 nov - Nei primi 10 mesi del 2013 1.009 gestori di impianti di distribuzione di carburanti hanno cessato la loro attivita' a causa della ''crisi dei consumi interni, combinata ad un incremento record dell'imposizione fiscale sui carburanti e sulle imprese''. E' quanto emerge dai dati dell'Osservatorio Confesercenti.

La Presidenza Nazionale Faib, riunita oggi a Roma, lancia l'allarme: l'aumento del peso del fisco sui carburanti e sulle imprese di distribuzione ha contratto i consumi e annullato i margini, spingendone molti impianti storici alla chiusura e aumentando l'esposizione debitoria del 50% della categoria. ''Ci sono 11mila gestori - spiega il Presidente di Faib Martino Landi - che hanno accumulato debiti per mezzo miliardo di euro, rischiando di giocarsi casa''. ''Il fisco tartassa il settore - continua - a partire dagli incrementi record della accise: in nemmeno tre anni l'accisa e' stata rialzata gia' 5 volte, arrivando ad aumentare di quasi il 46% sul gasolio, del 29% sulla benzina e del 17% sul gpl. Oltretutto, pesa sulla categoria la spada di Damocle della clausola di salvaguardia: se non si dovessero trovare risorse per la copertura della prima rata dell'Imu - saltate per la mancata sanatoria sui giochi - si aumenteranno di nuovo le accise. Non siamo il Bancomat d'Italia: e' una vergogna che si faccia sempre cassa su questo settore''. ''Il risultato - continua Landi - e' tragico: vendite in picchiata (-20% su 2012) e azzeramento dei margini di guadagno (sotto il 2% del prezzo finale).Abbiamo sempre chiesto una razionalizzazione ''governata' della rete di distribuzione: cosi', pero', la razionalizzazione la sta facendo la crisi, in modo selvaggio e senza una logica di governo della rete, mentre le compagnie petrolifere si sottraggono da anni all'obbligo di rinnovare i contratti di gestione. Ancora piu' drammatica la situazione in autostrada, dove le perdite di venduto sono del 50% negli ultimi tre anni. Oltre la meta' delle aree e' in dissesto economico e a breve potrebbe non garantire piu' il servizio. E le prospettive sono nere, considerando il disimpegno delle compagnie e la rendita di posizione dei concessionari autostradali''.

com-fgl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari