sabato 03 dicembre | 04:16
pubblicato il 26/feb/2014 13:28

Carburanti: Cgia Mestre, da sabato scatta nuovo aumento

(ASCA) - Roma, 26 feb 2014 - Brutte notizie per gli automobilisti italiani: da sabato primo marzo scatta un nuovo aumento delle accise sui carburanti. Per questo motivo - segnala la CGIA - dal prossimo week-end fare il pieno alla nostra autovettura costera' un po' di piu'. L'incremento medio annuo in capo a una famiglia italiana con un'auto a benzina che percorre mediamente 15.000 Km all'anno sara' di 13 euro, mentre per un'autovettura alimentata a gasolio l'aumento sara' di 17 euro.

Si tratta di ritocchi - sottolinea la CGIA - tutto sommato abbastanza contenuti. Tuttavia, e' bene ricordare che una famiglia con un'auto alimentata a benzina con una percorrenza annua di 15.000 Km quest'anno sborsera' 257 euro in piu' rispetto al 2010. Nel caso di automobile diesel, invece, l'incremento rispetto a quattro anni fa sara' addirittura di 388 euro.

Questi aumenti sono riconducibili al fatto che in questi ultimi cinque anni le accise sui carburanti sono state ritoccate ben 10 volte, mentre l'Iva e' stata aumentata due volte.

Il ritocco che scattera' sabato prossimo - fa notare la CGIA - e' stato previsto dal cosiddetto ''Decreto del fare'', approvato dal Governo Letta nel giugno dell'anno scorso.

Questo aumento delle accise, pari a 2,40 euro ogni 1.000 litri consumati, garantira', secondo le stime, 75 milioni di euro di gettito che finanziera' alcuni interventi per il rilancio dell'economia (nuova legge Sabatini, conferma del credito di imposta per il settore cinematografico, rilancio della nautica e della produttivita' del sistema portuale).

''Oltre alle famiglie - segnala il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi - questi aumenti interesseranno le categorie che utilizzano professionalmente un mezzo di trasporto. Mi riferisco, in particolar modo, ai taxisti, agli autonoleggiatori, agli agenti di commercio e ai trasportatori. Ricordo che l'80 per cento circa delle merci italiane viaggia su gomma. E' vero che grazie al rimborso delle accise gli autotrasportatori, ad esempio, possono recuperare gli aumenti fiscali che subiscono alla pompa; tuttavia, bisognera' vigilare affinche' i prezzi dei prodotti che giungeranno sugli scaffali di negozi e supermercati non subiscano degli aumenti ingiustificati''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari