sabato 10 dicembre | 23:35
pubblicato il 13/set/2013 14:05

Carburanti: Cgia, con Iva e accise rincari di 377 euro in 3 anni

Carburanti: Cgia, con Iva e accise rincari di 377 euro in 3 anni

(ASCA) - Roma, 13 set - Se fosse confermato l'aumento dell'Iva, dal 2011 ad oggi si conterebbero ben 7 aumenti delle accise sui carburanti e due incrementi dell'Iva con un aggravio sull'automobilista medio fino a 377 euro.

Secondo un'analisi effettuata dall'Ufficio studi della CGIA rispetto al 2010, una famiglia media italiana con un auto alimentata a benzina che, secondo i consumi medi rilevati dall'Istat, percorre circa 15.000 chilometri all'anno con un consumo di circa 900 litri di carburante, ha subito in questi ultimi 3 anni un rincaro di 216 euro. Se tra poco meno di una ventina di giorni l'aumento dell'Iva verra' confermato, l'aggravio salira' a 219 euro Molto peggio sono andate le cose per chi dispone di un'autovettura di media cilindrata alimentata a gasolio. A fronte di una percorrenza media annua rilevata dall'Istat pari a 25.000 chilometri all'anno che da' luogo ad un consumo annuo di circa 1.300 litri di gasolio, il rincaro subito nelle aree di servizio a seguito degli aumenti delle accise e dell'Iva avvenuti negli ultimi 3 anni e' stato di 372 euro. Se dal prossimo primo ottobre l'aumento dell'Iva verra' confermato, l'aggravio salira' a 377 euro.

''I risultati emersi da questa elaborazione ci devono servire da monito - sottolinea il segretario della Cgia di Mestre Giuseppe Bortolussi - Ricordo che l'80% circa delle merci in Italia viaggia su gomma. Se l'aumento dell'Iva non verra' bloccato, quasi sicuramente registreremo un rincaro generalizzato dei prezzi di tutti i beni che quotidianamente troviamo sugli scaffali dei negozi o dei supermercati. Non dobbiamo scordare che dall'inizio della crisi alla fine del 2012, il Pil nazionale e' diminuito di 7 punti percentuali e la spesa delle famiglie di 5. Questa caduta di 5 punti corrisponde, in termini assoluti, ad una diminuzione media della spesa pari a circa 3.700 euro a famiglia. Se non scongiuriamo il ritocco dell'Iva corriamo il pericolo di penalizzare ulteriormente la domanda peggiorando la situazione economica delle famiglie e quella delle piccole imprese e dei lavoratori autonomi che vivono quasi esclusivamente di consumi interni''.

Gli incrementi subiti dalle accise sui carburanti cosa sono andati a finanziare la cultura e lo spettacolo, gli interventi umanitari a favore degli immigrati arrivati nel nostro Paese dal nord Africa, la messa in sicurezza dei territori della Liguria e della Toscana colpiti dall'alluvione del 2011 e la ricostruzione delle zone terremotate dell'Emilia e dell'Abruzzo. com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina