giovedì 08 dicembre | 05:45
pubblicato il 22/giu/2013 12:37

Carburanti: Cgia, con aumento Iva e accise rincari fino 388 € a famiglia

Carburanti: Cgia, con aumento Iva e accise rincari fino 388 € a famiglia

(ASCA) - Roma, 22 giu - Con l'aumento dell'Iva e il ritocco delle accise, i prezzi dei carburanti aumenteranno fino a 388 euro. Lo sostiene la Cgia di Mestre. Calcolando che dal 2011 ad oggi abbiamo subito ben 7 aumenti delle accise sui carburanti ed un incremento dell'Iva, ''se dal prossimo primo luglio non sara' scongiurato il ritocco all'insu' di un punto dell'aliquota ordinaria attualmente al 21%, gli aumenti subiti dall'imposta sul valore aggiunto in questi ultimi 3 anni saranno 2''. Secondo l'elaborazione effettuata dall'Ufficio studi della Cgia di Mestre, tutto cio' ha avuto degli effetti pesantissimi sulle tasche degli automobilisti italiani: rispetto al 2010, una famiglia media italiana con un auto alimentata a benzina che, secondo i consumi medi rilevati dall'Istat, percorre circa 15.000 chilometri all'anno con un consumo di circa 900 litri di carburante, ha subito un rincaro di 217 euro. Se tra una decina di giorni l'aumento dell'Iva verra' confermato, per l'anno in corso l'aggravio salira' a 223 euro per toccare i 230 euro nel 2014.

Molto peggio sono andate le cose per chi dispone di un'autovettura di media cilindrata alimentata a gasolio. A fronte di una percorrenza media annua rilevata dall'Istat pari a 25.000 chilometri all'anno che da' luogo ad un consumo annuo di circa 1.300 litri di gasolio, il rincaro subito nelle aree di servizio a seguito degli aumenti delle accise e dell'Iva avvenuti negli ultimi 3 anni e' stato di 379 euro.

Se dal prossimo primo luglio l'aumento dell'Iva verra' confermato, per il 2013 l'aggravio salira' a 388 euro e nel 2014 tocchera' i 397 euro. Una vera e propria stangata secondo la Cgia ''I risultati emersi da questa elaborazione ci devono servire da monito. Ricordo che l'80% circa delle merci in Italia viaggia su gomma. Se l'aumento dell'Iva non verra' bloccato, quasi sicuramente registreremo un rincaro generalizzato dei prezzi di tutti i beni che quotidianamente troviamo sugli scaffali dei negozi o dei supermercati'', dichiara il segretario della Cgia. ''Non dobbiamo scordare che dall'inizio della crisi alla fine del 2012 - aggiunge - il Pil nazionale e' diminuito di 7 punti percentuali e la spesa delle famiglie di 5. Questa caduta di 5 punti corrisponde, in termini assoluti, ad una diminuzione media della spesa pari a circa 3.700 euro a famiglia. Se non scongiuriamo il ritocco dell'Iva corriamo il pericolo di penalizzare ulteriormente la domanda peggiorando la situazione economica delle famiglie e quella delle piccole imprese e dei lavoratori autonomi che vivono quasi esclusivamente di consumi interni''.

com-rba/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni