sabato 25 febbraio | 15:43
pubblicato il 15/apr/2014 19:29

Carburanti: Assopetroli, crollo consumi vanifica stime gettito accise

(ASCA) - Roma, 15 apr 2014 - ''Il trend dei consumi dei carburanti fa registrare nel primo trimestre del 2014 un calo, per i soli prodotti benzina e gasolio, del 2% ed un crollo del gettito stimato in 150 milioni rispetto al primo trimestre del 2013. Siamo preoccupati ed il DEF non fa che confermare le previsioni di un ulteriore prelievo forzoso da accise, eredita' del vecchio Governo. Infatti la stima degli incassi da accise per il 2014, per ulteriori 1.416 milioni di euro, sembra non considerare il trend negativo dei consumi.'' Lo afferma Franco Ferrari Aggradi presidente di Assopetroli Assoenergia.

Per Ferrari Aggradi ''mentre in Italia il settore del commercio dei carburanti continua a stabilire record negativi sulle vendite, cosi' come delle relative entrate per lo Stato per effetto di una ''zavorra'' fiscale che pesa ormai per il 61% sul prezzo finale di un litro di benzina, il Ministro delle Finanze di Sua Maesta' Britannica ha pubblicato ieri uno studio dove effettivamente si conferma che la diminuzione delle imposte sui carburanti giova all'economia di quel paese tanto che una riduzione di pochi penny dovrebbe determinare - secondo lo studio - un impatto positivo su differenti settori economici e produttivi con un aumento del PIL tra lo 0,3 e lo 0,5 per cento. Cosi' da recuperare il costo della detassazione attraverso l'aumento del gettito fiscale complessivo che deriva dall'incremento dei consumi generali e delle attivita' economiche direttamente interessate''. ''Nel nostro Paese - ricorda - la situazione e' certamente difficile ma e' solo attraverso la discontinuita' con il passato ed il ricorso a manovre coraggiose che si puo' sperare di far ripartire l'economia. Ecco perche' occorre diminuire il carico fiscale sui carburanti per almeno 10 centesi al litro, effettuando nel contempo - come gia' fatto dal Governo inglese - il congelamento degli aumenti gia' programmati. La riduzione si potrebbe spalmare in un quinquennio effettuando una prima fase sperimentale di un anno, per verificare effetti di ritorno sulle entrate erariali''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Volkswagen
Volkswagen, torna in utile nel 2016 per 5,1 mld dopo dieselgate
Generali
Intesa Sanpaolo: non individuate opportunità su Generali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech