sabato 10 dicembre | 23:16
pubblicato il 31/ago/2012 07:30

Carbosulcis/ Oggi incontri al Mise, si decide anche su Alcoa

I sindacati sollecitano il Governo a trovare soluzioni urgenti

Carbosulcis/ Oggi incontri al Mise, si decide anche su Alcoa

Roma, 31 ago. (askanews) - L'autunno caldo della Sardegna sbarca a Roma. La giornata di oggi rappresenta un crocevia per le vertenze che sono causa di fibrillazioni e incertezze nel mondo del lavoro dell'isola. I fronti aperti sono molti, ma si comincerà con quelli più complicati: dallo stabilimento Alcoa di Portovesme al Sulcis. Ieri c'è stato il prologo con circa 60 lavoratori dell'Alcoa che hanno attuato un presidio davanti alla sede del ministero dello Sviluppo economico, dove oggi si svolgeranno gli incontri per delineare il futuro produttivo e occupazionale dell'industria sarda. In mattinata, è previsto un incontro al ministero del Welfare per discutere di ammortizzatori sociali. A seguire ci sarà la riunione allo Sviluppo economico per scongiurare la chiusura dell'unica fabbrica italiana di alluminio. Il destino di Portovesme si incrocia con quello di Euroalluminia. Le due realtà sono interessate da un passaggio cruciale per chiarire se per questo comparto esistono i presupposti per mantenere in vita attività che danno lavoro a circa 2mila persone. In questa fase il Governo è impegnato in una serie di contatti, a partire dalla multinazionale Glencore, l'azienda svizzera che ha manifestato l'intenzione di rilevare lo stabilimento Alcoa. Il nodo resta quello del prezzo dell'energia, in Italia meno competitivo rispetto ad altri paesi. Sarà poi la volta del Carbosulcis e del futuro della miniera di Nuraxi Figus. Tra incertezze, rinvii e proteste anche estreme si cercheranno soluzioni per impedire la chiusura della miniera a dicembre, che secondo il sottosegretario Claudio De Vincenti "non sta scritta da nessuna parte, al Governo non risulta". Per la Cgil "il dramma che non da oggi colpisce la Sardegna deve urgentemente trovare una risposta adeguata e unanime da parte delle istituzioni". Il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, secondo cui "le forme estreme di protesta mai rendono risultati", ha invece sottolineato che il problema del prezzo dell'energia rappresenta "un handicap fortissimo per la nostra prospettiva e per il nostro futuro. Di questo dovremmo occuparci tutti insieme perchè paghiamo la bolletta dell'energia più cara rispetto a qualsiasi altro paese sviluppato". Per la vicenda Carbosulcis, a Roma è previsto anche un incontro tra il vicepresidente della Commissione europea, Antonio Tajani, e il governatore della Sardegna, Ugo Cappellacci. C'è la possibilità di un sostegno europeo alle iniziative utili a garantire alla Sardegna il contenimento dei maggiori costi energetici.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina