lunedì 27 febbraio | 21:28
pubblicato il 27/dic/2013 16:32

Capodanno: Coldiretti, boom consumo spumante italiano all'estero

Capodanno: Coldiretti, boom consumo spumante italiano all'estero

(ASCA) - Roma, 27 dic - A Capodanno si berra' piu' spumante italiano all'estero che in Italia. Lo stima la Coldiretti, sottolineando che complessivamente saranno 290 milioni le bottiglie di spumante italiano esportate all'estero. Secondo l'associazione, si tratta di un numero superiore a quelle consumate in Italia se si considera che sono state prodotte nel 2013 oltre 440 milioni di bottiglie delle quali circa l'80% con il metodo Charmat e il resto con il metodo classico Champenois che differisce perche' la fermentazione non avviene in autoclave, ma in bottiglia e comporta una lavorazione che puo' durare fino a tre anni con un prezzo finale piu' elevato. In Italia la leadership dello spumante e' incontrastata: l'86% degli italiani non rinuncia allo spumante per le feste di fine anno mentre appena il 11% preferisce lo champagne.

com-drc/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech