domenica 04 dicembre | 17:34
pubblicato il 03/ott/2014 19:41

Cantone: riconoscere a breve eventuali varianti su piastra Expo

"Se ci sono vanno riconosciute nel più breve tempo possibile"

Cantone: riconoscere a breve eventuali varianti su piastra Expo

Milano (askanews) - Il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, ha chiesto che si arrivi presto a una definizione degli eventuali extracosti per varianti sui lavori della cosiddetta piastra di Expo 2015. Si tratta dell'appalto più importante, vinto da un raggruppamento di imprese guidato da Mantovani: "E' una vicenda che stiamo monitorando per quanto riguarda le varianti. C'è in corso un'attività particolarmente complessa. Abbiamo struttura e linee guida per poter giungere all'approvazione delle varianti. Abbiamo coinvolto l'Avvocatura generale dello Stato. Noi provvederemo in modo rigoroso, tenendo presente un dato che la Mantovani in questo momento è l'azienda che sta svolgendo il ruolo più importante, per cui se ci sono cose da riconoscere vanno riconosciute nel più breve tempo possibile anche per evitare che questo provochi problemi ad Expo".

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Austria
Seggi aperti in Austria per le elezioni presidenziali
Calcio
Derby a Roma, identificati oltre 100 ultras provenienti da estero
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari